Ciclismo, una sfida lunga 122 km: i giovani Juniores "Sulle Strade del Passatore"

Davide Cassani, ct della nazionale di ciclismo, ha ricordato l’importanza del sostegno ai giovani: “E’ una corsa dedicata alla categoria Juniores ed è sicuramente una vetrina importante per tanti giovani

Domenica 29 maggio, all'indomani della 100 km del Passatore, si disputerà la seconda edizione della Firenze-Faenza “Sulle Strade del Passatore” – Trofeo Caviro, gara ciclistica giovanile riservata alla categoria Juniores. La competizione è organizzata dalla faentina Polisportiva Zannoni, in collaborazione con l’A.S Dilettantistica A.C “Fosco Bessi” e il sostegno fondamentale di Caviro, gruppo cooperativo leader nel settore vinicolo che quest’anno compie i cinquant’anni dalla sua fondazione.

La partenza della gara, domenica 29 maggio, è prevista alle ore 13,30 da Sesto Fiorentino, davanti alla casa dell’indimenticabile Alfredo Martini, con arrivo previsto in Piazza del Popolo a Faenza previsto per le ore 16,30, per un totale di 122 km. Tre i Gran premi della montagna da affrontare, il Valico Le Croci, il Passo della Colla e il Monte Carla, posto a pochi chilometri dall’arrivo a Faenza. Carlo Dalmonte, presidente di Caviro, dopo aver fatto gli onori di casa illustrando i risultati lusinghieri del gruppo cooperativo, ha ricordato l’importanza del sostegno allo sport giovanile.

“Siamo soddisfatti di sostenere questo evento ciclistico dedicato ai più giovani – ha sottolineato Dalmonte – quando i bilanci lo consentono il tessuto economico deve prestare attenzione agli eventi e alle iniziative di valenza sociale per tutto il territorio. Lo sport giovanile ne è sicuramente uno dei punti cardine, e rappresenta un veicolo per mandare messaggi importanti in termini di valori a tutta la comunità. Per questo siamo contenti di poter dare il nostro contributo alla realizzazione di questa manifestazione”.

“L’amministrazione è vicina all’organizzazione di questo evento – ha poi ricordato il vicesindaco Massimo Isola – le strade della Firenze-Faenza rientrano in un connubio fra sport, turismo, paesaggio e cultura che dobbiamo assolutamente valorizzare. E’ una traiettoria dai tanti significati, ben vengano iniziative che possano valorizzare il territorio, in particolar modo se coinvolge i giovani come questa gara di ciclismo giovanile”.

Davide Cassani, ct della nazionale di ciclismo, ha ricordato l’importanza del sostegno ai giovani: “E’ una corsa dedicata alla categoria Juniores ed è sicuramente una vetrina importante per tanti giovani. Dobbiamo aiutare e sostenere il nostro movimento giovanile, e queste iniziative vanno proprio in questa direzione. L’idea è quella di far diventare questa gara una classica del calendario nazionale Juniores, con il contributo di tutti lo si può far diventare. Ringrazio la Polisportiva Zannoni e la Caviro per l’immenso lavoro fatto per l’organizzazione di questa gara”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per noi è un grande onore far partire la gara davanti alla casa di Alfredo Martini – ha poi concluso Nicola Dalmonte, presidente della Polisportiva Zannoni – in collaborazione con la famiglia Martini la casa dell’indimenticato Alfredo sarà aperta al pubblico, dove sarà allestito un piccolo museo in un evento di tradizione e passione ciclistica prima della partenza dei ragazzi alla volta di Faenza”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento