Superbike a Jerez, altra rimonta di Melandri: nono. Redding fa il bis

Solo sesto posto per Jonathan Rea, vincitore della Superpole Race, preceduto dal compagno di box Alex Lowes

Al di sotto delle aspettative nella Superpole Race, Marco Melandri chiude il weekend di Jerez con un altro piazzamento in top ten. Il ravennate, al rientro in Superbike con la Ducati del team Barni, ha chiuso Gara 2 al nono posto,  risalendo dalla 18esima piazza. Scott Redding ha bissato la vittoria in Gara 1, precedendo il compagno di squadra Chaz Davies, a completare una straordinaria doppietta Ducati. Sul gradino più basso del podio è giunto Toprak Razgatlioglu, a precedere il santarcangiolese Michael Ruben Rinaldi (Ducati Go Eleven). Solo sesto posto per Jonathan Rea, vincitore della Superpole Race, preceduto dal compagno di box Alex Lowes. 16esimo posto per la Yamaha del team Grt di Federico Caricasulo. Redding consolida il primato in classifica mondiale, allungando a 24 i punti di vantaggio su Rea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le due gare sono andate bene e, a dire la verità, sono molto contento - è il bilancio di Melandri -. Nella Superpole Race credevo di poter finire più avanti, partire nei primi nove avrebbe cambiato la gara del pomeriggio, ma non dobbiamo scordare che per noi è stato un weekend di test. Nella Superpole Race abbiamo provato una soluzione che non ha funzionato e poi - a metà gara -  mi ha punto una vespa sul petto, a quel punto ho perso la concentrazione. Nel pomeriggio invece è andata bene: sono stato veloce in partenza ma c'era molto filler all'esterno della prima curva e non ho guadagnato tante posizioni; faccio ancora un po' di fatica nei sorpassi e nelle curve veloci, ma credo che iniziamo a capire la strada da prendere per adattare la moto. Sono felice e motivato perché nonostante abbia fatto molta fatica non sono così lontano dal gruppo dei primi. Ho fatto tutta la gara vicino a Bautista e Rea è arrivato sei secondi davanti a me in gara 2, per uno che fino a due settimane fa andava solo in bicicletta, non è male".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'impatto contro il guard-rail è violentissimo: ancora una tragedia in strada, muore una ragazza

  • Maltempo, Bassa Romagna ancora martoriata dalla grandine: chicchi grandi come noci

  • Fatale incidente nella notte: muore in bici investito da un'auto

  • Dalle parole si passa velocemente ai fatti: nel caos spunta una lama, accoltellato un ragazzo a Marina di Ravenna

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Si schianta contro il guard rail in autostrada: automobilista in gravi condizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento