Superbike, Gp Teruel: Caricasulo nono, Melandri si ferma: "Ho rischiato più volte di cadere"

La vittoria è andata al santarcangiolese Michael Ruben Rinaldi (Ducati Go Eleven) davanti a Jonathan Rea (Kawasaki) e Chaz Davies (Ducati).

Un'altra top ten per Federico Caricasulo. Il portacolori della Yamaha del team Grt ha chiuso Gara 1 del Gran Premio di Teruel al nono posto, mentre Marco Melandri si è ritirato dopo aver rischiato più volte la caduta, mentre si trovava in diciassettesima posizione. Il ravennate, che aveva faticato nelle libere di ieri, è molto soddisfatto delle soluzioni apportate sabato mattina, che gli hanno permesso di essere competitivo in gara: “È stata una giornata positiva. Abbiamo cambiato parecchio la moto rispetto a venerdì, e al mattino prima della FP3 speravo con tutto me stesso che la modifica avesse un riscontro positivo. Così è stato, e grazie alle nuove soluzioni è migliorato tutto l’avantreno della moto, sia sul giro secco che sulla distanza. In qualifica siamo andati meglio del solito, anche se, forse, si sarebbe potuto fare ancora un po’ meglio, e in gara 1 siamo riusciti a lottare nel secondo gruppo di piloti".

"Domenica - conclude - l’obiettivo sarà quello di migliorare ancora e poter battagliare con più confidenza in quel gruppetto, possibilmente mettendocene anche qualcuno alle spalle. Fa molto più caldo dello scorso weekend, e questa è una condizione che mi ha sempre messo in difficoltà, perché diminuisce il mio feeling con l’anteriore. Con le modifiche di questa mattina, però, siamo riusciti finalmente a migliorare la moto, e a rendere il suo comportamento più costante in queste condizioni. Speriamo di continuare su questa strada anche domenica".

"Un'altra giornata storta - esordisce Melandri -. Al mattino sembrava che la situazione fosse migliorata,  poi già nella Superpole siamo tornati indietro. In gara non riuscivo proprio a guidare, faccio fatica in frenata e non ho grip al posteriore. Sono andato lungo in un paio di curve e ho rischiato di cadere più volte così ho deciso di fermarmi. Mi dispiace per la squadra che sta lavorando forte, ma ci sta sfuggendo qualcosa, questo non può essere il mio limite".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Osserva il team principal, Marco Barnabò: "Continuiamo a lavorare incessantemente sulla moto, ma le sensazioni del pilota non cambiano. Almattino sembrava che le cose fossero un po' migliorate, ma quando le condizioni cambiano la situazione torna complicata. Dopo aver rischiato più volte la caduta, Melandri ha preferito fermarsi". La vittoria è andata al santarcangiolese Michael Ruben Rinaldi (Ducati Go Eleven) davanti a Jonathan Rea (Kawasaki) e Chaz Davies (Ducati).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La giovane che sfida la crisi per realizzare il suo sogno: aprire un forno-cioccolateria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento