Supersport, nessuno come lui nella storia: Locatelli suona la nona sinfonia

Una vittoria storica appunto, che permette a Locatelli di diventare il pilota con il maggior numero di successi in una singola stagione nella storia della categoria

Un’altra pagina di storia del campionato Supersport è stata scritta domenica dal Bardahl Evan Bros ed Andrea Locatelli, che sul tracciato di Aragon ha conquistato il successo numero nove della sua favolosa stagione da debuttante. Una vittoria storica appunto, che permette a Locatelli di diventare il pilota con il maggior numero di successi in una singola stagione nella storia della categoria, coadiuvato dall’eccellente lavoro del team campione del mondo in carica.

Dopo aver chiuso il warm up della mattina in prima posizione grazie al crono di 1’53”520, quasi otto decimi più rapido del secondo in classifica, Locatelli ha ovviamente beneficiato anche in Gara 2 della partenza dalla pole position, facendo parte sin da subito del gruppo di testa. Nel corso del quarto giro un contatto alla curva uno ha messo fuori gara i momentanei leader della corsa ossia De Rosa e Cluzel (al quale tutto il team auguro una rapida guarigione), consentendo a Locatelli di prendere il comando della gara. Il bergamasco ha così potuto iniziare ad imprimere il suo passo alla corsa, prendendo giro dopo giro vantaggio sugli inseguitori, fino a tagliare in solitaria la linea del traguardo.


La nona vittoria in nove gare disputate consente ad Andrea non solo di entrare nuovamente nella storia, ma anche di aumentare sensibilmente il suo vantaggio in classifica generale, dove occupa la prima posizione con ora 79 punti di vantaggio su Cluzel. Per il team ravennate ora si apre una settimana di meritato riposo, mentre nel fine settimana successivo (18-20 settembre) i motori torneranno ad accendersi sul tracciato di Barcellona, per il sesto round della stagione.

"Abbiamo concluso il doppio impegno di Aragon nel modo più dolce possibile - afferma -. Sono davvero dispiaciuto per l’incidente tra De Rosa e Cluzel, purtroppo le corse sono anche questo e voglio augurare una buona guarigione a Jules. A parte ciò posso dire che il nostro grande lavoro ha nuovamente pagato: la moto mi ha permesso di gestire le varie fasi della corsa, riuscendo giro dopo giro a fare la differenza sugli avversari. Diventare il pilota con il maggior numero di successi in una stagione mi rende molto orgoglioso, e non posso che ringraziare la squadra per avermi permesso di centrare tale traguardo. Ora ci aspetta una pista conosciuta per me ma non per il team, quindi dobbiamo restare concentrati e dare ancora il massimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Bonaccini: "Emilia-Romagna zona gialla da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

Torna su
RavennaToday è in caricamento