menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tanti gol al Garilli. Ma il Ravenna torna da Piacenza senza punti

Sotto di una rete per un clamoroso errore difensivo, i giallorossi sono riusciti a raddrizzarla. Ma poi in due battiti di ciglia i padroni di casa l'hanno chiusa

Il Ravenna torna da Piacenza senza punti. In una sfida divertente e con tanti gol, la squadra di mister Luciano Foschi è capitolata 3-1. Sotto di una rete per un clamoroso errore difensivo, i giallorossi sono riusciti a raddrizzarla. Ma poi in due battiti di ciglia i padroni di casa l'hanno chiusa. "La differenza l’ha fatta chi è stato più bravo a sfruttare gli errori, infatti se andiamo a contarle abbiamo avuto più occasioni noi di loro - afferma Foschi -. Abbiamo sbagliato 3 o 4 gol facili, una partita secondo me ben giocata dalla mia squadra, siamo arrivati a giocare contro una corazzata ed abbiamo fatto una buona prestazione, dimostrato di sapere giocare a calcio. Per questo andare a casa senza punti in tasca ci crea ancora più rammarico.Dopo avere trovato il pareggio mi sembrava stessimo meglio del Piacenza, ed invece abbiamo subito un eurogol che ha cambiato le sorti dell’incontro. Peccato ma faremo tesoro della prestazione".

La partita

I giallorossi si presentano incerottati al Garilli, dove Foschi è costretto a rinunciare a Papa, Jidayi e Pellizzari. Piove sul bagnato in casa Ravenna con Martorelli costretto ad uscire al 5’ per un problema muscolare, al suo posto Grassini. È solo il 25 settembre, ma per il Ravenna è già tempo di regali di Natale. Minuto 15: Purro sbaglia clamorosamente il disimpegno, regalando palla a Paponi: l’attaccante biancorosso ringrazia, vede il portiere fuori dai pali e lo batte con un bel pallonetto dai venticinque metri defilato a destra. Il gol dà fiducia agli emiliani e al 20esimo per un nulla Cacia non devia in rete un cross dalla sinistra di Imperiale. Il Ravenna non è pervenuto, mentre i padroni di casa sono in totale controllo. Al 34' la squadra di Foschi finalmente si scuote, ma Nocciolini non è bravo ad approfittare di un errore della retroguardia biancorossa, sparando fuori. Nel finale di primo tempo i giallorossi trovano un lampo e per un nulla la conclusione dal limite di Lora non buca la porta difesa da Del Favero.

La ripresa inizia con un cambio per il Ravenna, dentro Raffini fuori Ricchi. Ritmi subito alti e gioco piacevole. La prima conclusione della ripresa è dei romagnoli con D’Eramo, ma D Favero blocca a terra senza problemi. La replica è affidata sui piedi di Corradi, ma il suo tiro dal limite si infrange sull’esterno della rete. Ancora Ravenna. Finalmente si accende Giovinco con una conclusione dal limite dell’area: para Del Favero. Non c'è sosta. Sull’azione successiva il cross di Imperiale trova sul secondo palo Cacia, che di piatto manda a lato. Al 60' il Ravenna trova il gol: Giovinco trova in area Lora che approfitta di un errore di Imperiale per battere Del Favero. Non c'è il tempo di esultare che il Piacenza rimette avanti il naso con un tiro al volo di Cacia dai 30 metri.  Quattro minuti più tardi il Piacenza mette in cassaforte i tre punti con Paponi, bravo a deviare in scivolata un assist di Cacia. Al 68' Giovinco non approfittato di un errore di Del Favero per il 3-2. Al 83' il portiere biancorosso è decisivo su Sabba. Non succede più nulla. Finisce 3-1. La partita va in archivio così con un Piacenza che dimostra il cinismo della grande squadra e concretizza le azioni create ed un Ravenna che esce con il rammarico di avere giocato alla pari con una candidata al titolo e la convinzione che con più precisione sotto porta forse il risultato sarebbe stato diverso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento