menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tennis A1, a Massa Lombarda arrivano i campioni d'Italia in carica dell'Aniene Roma

E’ di quelli da non perdere l’ultimo impegno casalingo del Circolo Tennis Massa Lombarda nella prima fase a gironi del campionato di serie A1 maschile.

Domenica 11 novembre, dalle ore 10, all’Oremplast Tennis Arena arriva infatti la Canottieri Aniene campione d’Italia in carica. Sfoggerà dunque sulle maglie lo scudetto tricolore conquistato lo scorso dicembre a Foligno la formazione romana, attualmente al comando del girone 2 con 9 punti, frutto di tre successi – tra cui il 5-1 dell’andata sulla squadra romagnola – e una battuta d’arresto casalinga a sorpresa, per mano del Tc Genova 1893 nell’ultimo turno (disputato in anticipo il 1° novembre per via degli impegni nelle qualificazioni delle Next Gen Atp Finals di Jacopo Berrettini e Liam Caruana). Uno stop che comunque difficilmente impedirà al team capitolino di assicurarsi la prima posizione e quindi l’accesso alle semifinali. Del resto, la Canottieri Aniene (presidente onorario del circolo in riva al Tevere è Giovanni Malagò, numero uno del Coni) può contare su un organico di primissimo livello, tutto italiano, senza l’apporto di tennisti stranieri, con top players quali i davisman azzurri Matteo Berrettini e Simone Bolelli, un altro prima categoria come Gianluigi Quinzi e giovani di grande prospettiva come Liam Caruana (fino a giovedì protagonista delle Next Gen Atp Finals alla fiera di Milano insieme ai migliori under 21 del circuito mondiale) e Jacopo Berrettini, senza trascurare altri under promettenti come Riccardo Di Nocera e Riccardo Perin, oltre a tennisti navigati come Flavio Cipolla e lo stesso Vincenzo Santopadre, ormai coach a tempo pieno ma che in doppio in A1 ogni tanto continua a mostrare le sue qualità.

Insomma, un esame dal coefficiente di difficoltà altissimo per la squadra capitanata da Michele Montalbini, che domenica scorsa con il pareggio sui campi del Tc Crema è tornata a muovere la classifica dopo due sconfitte di fila, salendo a quota 4, appaiata appunto al terzo posto alla compagine lombarda. Molto probabilmente una “mission impossibile”, in ogni caso un match da affrontare con la consapevolezza di non avere nulla da perdere dato che le chance di salvezza passeranno probabilmente dai playout, e al tempo stesso il giustificato orgoglio di ospitare a Massa Lombarda, nella nuova struttura con copertura fissa in legno lamellare e campi in sintetico, i campioni d’Italia e alcuni big della racchetta. Proprio per tale ragione per gli appassionati romagnoli un’opportunità da non lasciarsi assolutamente scappare per vedere all’opera dal vivo giocatori che di solito si possono ammirare solo nei grandi appuntamenti del circuito internazionale o alla televisione e quindi respirare per una giornata l’atmosfera del grande tennis.

“Sapevamo fin dall’inizio che eravamo chiamati a misurarci con delle corazzate e che l’obiettivo della permanenza nel massimo campionato non sarebbe stato semplice – afferma il presidente Fulvio Campomori – per questo andiamo avanti seguendo quelli che erano i nostri programmi, con tanta umiltà ma anche fiducia, pure in vista degli eventuali spareggi salvezza”.

Sono 16 le formazioni partecipanti alla serie A1 maschile, suddivise in quattro raggruppamenti: la formula della competizione prevede che la prima classificata di ciascun gruppo acceda ai play-off scudetto (semifinali andata e ritorno il 25 novembre e 2 dicembre, poi finale in sede unica l’8 e 9 dicembre a Lucca), la seconda si assicuri la permanenza in categoria, mentre terze e quarte saranno chiamate ai play-out per la salvezza (anche in questo caso 25 novembre e 2 dicembre). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento