Sabato, 13 Luglio 2024
Sport

Volley, per la Cmc Ravenna la prima di due trasferte consecutive in Veneto

La Cmc sarà seguìta a Padova da una settantina di sostenitori, numero di tifosi discreto anche se ovviamente lontanissimo dai 500 che due anni e mezzo fa videro la vittoria per 3-0 che lanciò Ravenna in vetta alla classifica di A2 ad un turno dalla fine

Prima di due trasferte consecutive in Veneto per la Cmc Ravenna, che dopo la bella vittoria in Challenge Cup in Estonia è attesa domenica al Palasport Fabris di Padova (ore 18, arbitrano Santi e Saltalippi) da un Tonazzo Padova in chiara ripresa di risultati e soprattutto di prestazioni dopo un avvio di Superlega difficile. La Cmc, tra l'altro, parte per Padova con il dubbio relativo alle condizioni fisiche di Rafail Koumentakis, che ha saltato gli ultimi allenamenti per un'infiammazione al piede destro.

Farà parte della comitiva anche Renan, che dopo la rimozione del gesso alla mano sinistra operata ha appena ripreso a lavorare con i compagni per cercare di ritrovare gradualmente la forma migliore. "Non teniamo conto delle due partite che abbiamo fatto - afferma Waldo Kantor - in precampionato e abbiamo vinto contro il Tonazzo, perché nel frattempo le due squadre sono cambiate e Padova in particolare è cresciuta molto, dimostrando in particolare nel corso delle ultime gare di campionato di essere decisamente migliorata. Di conseguenza se vorremo tornare alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive dovremo davvero dare il meglio di noi a Padova".

RADIOCRONACA - La Cmc sarà seguìta a Padova da una settantina di sostenitori, numero di tifosi discreto anche se ovviamente lontanissimo dai 500 che due anni e mezzo fa videro la vittoria per 3-0 che lanciò Ravenna in vetta alla classifica di A2 ad un turno dalla fine. Chi resterà a casa potrà ascoltare la radiocronaca diretta del match a partire dalle 18 sui 100.2 mhz di Radio International.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, per la Cmc Ravenna la prima di due trasferte consecutive in Veneto
RavennaToday è in caricamento