Una diga per la difesa giallorossa, ecco Paolo Marchi

Il nuovo centrale mancino arriva a Ravenna in seguito a un prestito dalla Reggina

Nuovo arrivo a rinforzare la difesa del Ravenna FC alla vigilia dell’avvio del campionato. E’ stato infatti definito il trasferimento temporaneo di Paolo Marchi dalla Reggina. Il giocatore classe 1991 si aggregherà sin da subito alla squadra. Cresciuto nelle giovanili dell’Inter, ha poi girato l’Italia collezionando 141 presenze in serie C lottando sempre per posizione di alta classifica. Si tratta di un difensore centrale di piede mancino che abbina alle doti difensive anche buona tecnica per impostare il gioco, caratteristica che ben si sposa con l’idea di gioco che Magi vuole dare alla squadra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Sanità innovativa: in ospedale uno strumento che colpisce le cellule tumorali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Si schianta con l'Harley contro il new jersey: motociclista gravissimo

  • Quattro ristoranti ravennati premiati al 'Gran Premio internazionale della ristorazione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento