Vince la Pallamano Romagna e lo fa segnando 15 reti a tempo contro il Vigasio

Gli avversari dei romagnoli hanno tenuto bene il campo nel primo tempo, per poi cedere ai locali durante la ripresa

Vince la Pallamano Romagna e lo fa segnando 15 reti a tempo contro un Vigasio che ha tenuto bene il campo nel primo tempo, per poi cedere ai locali durante la ripresa. Martin Di Domenico e Cristian Amaroli sono tra i protagonisti del successo arancioblu, grazie alla pioggia di contropiedi che sono la specialità della casa di entrambi. Molto bene Redaelli tra i pali con una decina di interventi pesanti per il risultato e Dario Chiarini che trova ottimi spunti sia di precisione che di potenza dai 9 metri. Dopo un avvio da brividi per la lentezza del gioco ed i tanti errori in impostazione ed al tiro, la squadra di coach Tassinari comincia a macinare sui propri ritmi a circa 10’ dall’intervallo. In quel frangente il Romagna impatta per poi superare di slancio gli avversari: dall’8-9 per i veronesi, si passa in pochi minuti al 15-11, grazie ad un pesante break di 7- 2 che mette in ginocchio gli ospiti. Vigasio che deve fare a meno di diversi titolari (tra i quali Veselin Hristov) e che si presenta con soli 12 effettivi a referto. Vittoria meritata per gli arancioblu che vincono con 10 reti di scarto, maturate a metà ripresa quando il Romagna prende il largo minuto dopo minuto. Dopo il turno di riposo programmato per la prossima settimana per gli impegni della Nazionale (contro la Norvegia), la Pallamano Romagna tornerà in campo sabato 14 novembre a Camisano contro il fanalino di coda Arcom Mestrino.

Il Romagna che deve fare a meno di Andrea Bartoli, in stampelle, scende in campo con Redaelli, Mazzanti, Albertini, Gollini, Zanoni, Chiarini e Boukhris. Inizia decisamente meglio il Vigasio che sfrutta qualche errore di troppo dei locali, scappando sul 3-1 dopo i primi 5 minuti di gioco. Di Boukhris la prima rete arancioblu. Dopo 8’ il punteggio è ancora fermo sul 4-1 per gli ospiti con la rete di Piazzi. Mazzanti ci mette una pezza al 12’ segnando dalla distanza (3-6), dopo un momento in cui i locali non avevano ancora ingranato in difesa e, ancor meno, in attacco. Drago realizza un’ottima azione in velocità del Romagna, un minuto dopo, grazie all’accelerazione di Chiarini dalla sinistra. E’ ancora Mazzanti dalla mattonella del terzino sinistro a rimettere in carreggiata il Romagna (5-6) alla metà esatta del primo tempo. Al 16’ Di Domenico bagna il suo ingresso in campo con uno splendido gol dall’ala sinistra, imitato al 19’ da Chiarini che si eleva dai 9 metri per la rete del 7-8. Molto buono, tra gli ospiti, l’impatto del pivot Ballardini (3 reti nei primi 20’) e del tiratore Dalla Vecchia. Redaelli mette la firma su 3 interventi consecutivi che danno slancio ai locali a cavallo del 20’ di gioco. Drago dall’altra parte raccoglie un assist al bacio di capitan Tassinari e segna il-1 (8-9) a 8’ esatti dalla fine, costringendo coach Lo Schiavo ad interrompere il gioco per il primo timeout di serata. Alla ripresa del gioco Boukhris viene escluso per 2’ per un fallo duro sull’avversario diretto e gli ospiti ne approfittano per trovare il varco centrale del +2. Amaroli e Tassinari a 5’40” impattano sul 10-10. Ed è Di Domenico con la classica intuizione dall’ala sinistra a 4’ esatti dall’intervallo lungo, a trova il primo vantaggio della serata per la Pallamano Romagna (11-10). Dalla stessa mattonella del PalaCattani, Di Domenico realizza il +2, imitato da Amaroli, subito dopo, grazie al contropiede arancioblu nato dalla parata di Redaelli ed avviato da Tassinari. Il rigore di Tassinari (fallo su Drago al tiro) porta il Romagna sul 15-11, a meno di 1’ dalla sirena. Il tiro dai 7 metri di Dalla Vecchia allo scadere ferma il tabellone sul 15-12 per la Pallamano Romagna.

Nella ripresa coach Domenico Tassinari schiera Redaelli, Di Domenico, Amaroli, Boukhris, Mazzanti, Chiarini e Drago. Avvio di parziale molto confuso da ambo i lati, con le squadre particolarmente imprecise in fase offensiva ed in transizione: dopo 5’ di gioco si registra solo una rete (degli ospiti) e quella di Chiarini in elevazione, seguita dal contropiede rocambolesco di Amaroli, abile a recuperare la palla al limite dell’area per il 17-13 al 6’. Un minuto dopo Boukhris è bravo a lanciare la ripartenza dei locali, prima di chiudere in rete l’azione (18-13). Momento favorevole al Romagna che, dopo aver schiarito le idee, gioca in velocità: Tassinari lancia Di Domenico che realizza in solitaria il 19-13. Chiarini infila di potenza, coi piedi a terra una rete clamorosa che vale il 20-15 al 10’. Redaelli fa buona guardia tra i pali e Di Domenico trova l’ennesimo spunto di serata siglando il nuovo +5 (21-16 a 16’30” dalla sirena). Boukhris subisce uno scontro in attacco (non fischiato) e, nel rientro in difesa, intercetta la sfera che indirizza nelle mani di Amaroli: specialità della casa, in contropiede e Romagna che vola sul 22-16 a metà frazione. Il contropiede di Di Domenico al 18’ porta gli arancioblu sul 24-18, con timeout chiamato dallo staff tecnico ospite. La rete che potrebbe mettere in cassaforte la partita per i locali è di Dario Chiarini che si eleva da lontano trovando un tiro imparabile per il portiere (25-18 a 10’ dalla sirena). Tassinari e Drago allungano sul 27-20, dopo la sospensione di qualche minuto per un infortunio di Boukhris in difesa. Al 24’ Romagna avanti in pieno controllo 28-20 con il veloce contropiede di Di Domenico. Chiarini sul filo del passivo (a 3’40” dalla fine) segna il 29-20 e nel rovescciamento di gioco, Redaelli dice ancora no agli attaccanti. Negli ultimi scampoli di gara, in campo anche Babini, Bandini, Montanari, Bianconi e Sami tra i pali. E’ Babini a mettere la crocetta sul 30 a 30” dalla sirena. Sami para l’ultimo tentativo degli ospiti. Vince la Pallamano Romagna 30-20.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Bonaccini: "Emilia-Romagna zona gialla da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

Torna su
RavennaToday è in caricamento