menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volley, Verona mostra un potenziale di prim'ordine: e Ravenna si inchina

Una sfida di grande spessore, con Consar e Calzedonia che danno il meglio di loro stessi

Una sfida di grande spessore, con Consar e Calzedonia che danno il meglio di loro stessi. Vince la Calzedonia che mostra un potenziale di prim’ordine, e che sfoggia una prestazione pressoché perfetta in battuta (9 ace), in attacco (46% complessivo) e nel cambio-palla, sfruttando la forza di Kaziyski e Boyer (29 punti in due), cui si aggiunge un concreto Birarelli, che segna 11 punti. La Consar, comunque volitiva, generosa e tenace, ci ha provato in tutti i modi ad arginare Verona, affidandosi a Rychlicki (18 punti e 44% in attacco) e ad una buona correlazione muro-difesa, ma nulla ha potuto contro questa Calzedonia. "Abbiamo incontrato una squadra che comunque ha battuto meglio, ci ha messo in difficoltà in un paio di situazioni importanti, una squadra che nel contrattacco ha avuto la bravura di mettere giù molti palloni - afferma coach Gianluca Graziosi -. Noi abbiamo creato più occasioni rispetto a loro, nel muro-difesa abbiamo toccato molti palloni però conta metterla a terra e loro hanno un giocatore Kaziyski che ancora è tanta roba, che l’ha messa con tanta continuità. Mi dispiace tantissimo perché su questa partita contavo tanto; pensavo potesse essere quella gara che ci dava quella scintilla per cambiare il nostro campionato, però contro squadre di questo tipo facciamo ancora fatica, soprattutto nei fondamentali d’attacco”.

PRIMO SET – I gialloblù iniziano con la diagonale Spirito-Boyer, Birarelli-Solè, Kaziyski-Manavi, risponde Ravenna con Saitta-Rychlicki, Verhees-Russo, Raffaelli-Poglajen. Verona contratta all'inizio, Ravenna prende entusiasmo e vola sul 4-1, la parità arriva con l'ace di Boyer sul 9-9 che diventa presto 9-11 con il conseguente timeout chiamato da Graziosi. Il set diventa bellissimo, Sharifi entra bene in partita e Verona tiene sul 15-17, muro di Birarelli per il 16-19 e attacco fuori di Ravenna (e conseguente timeout dei padroni di casa) per il 16-20. Ravenna ricuce sul 18-20, Boyer (6 punti con 3 battute punto nel parziale) mette giù un altro ace, Spirito vola a muro (il secondo del set per il 18-23),Ravenna torna ancora sotto (22-23) ma qui sale in cattedra Matey Kaziyski (7 punti e 67% in attacco) che un punto pazzesco ed un ace chiude il set sul 22-25.

SECONDO SET –  Ravenna, con Lavia in campo al posto di Raffaelli, parte forte anche qui (4-0), ma Verona è brava a ricucire fino al 4-4 e portarsi in avanti dopo belle difese e attacchi precisi (anche qui decisivo il turno in servizio di Kaziyski). Verona si scioglie, arriva al 7-11 dopo due ace di Birarelli (3 totali nel parziale e 7 punti) ed un bel punto di Sharifi. I gialloblù tengono il break, accorciato fino al 15-17, Solè sale in cielo per il muro del 15-19. Ravenna non cede di un millimetro, si arriva al 19-21 sempre con Poglajen in battuta e Grbic chiama timeout. Boyer è clamoroso con un muro vitale per il 21-23, fino all'ace dello stesso francese per il 22-25.

TERZO SET -  L'inizio è più equilibrato dei precedenti due set, la parità a quota 8 è firmata ancora una volta da Solè. Verona si porta avanti con l'ace di Sharifi, fino al break dell'11-13 dopo il muro di Spirito. Ravenna non ci sta, la partita è tirata, si arriva al 15-18 dopo il muro di Solè su Argenta. Birarelli martella il primo tempo del 18-20, ed è lo stesso capitano a mettere giù il pallone del 19-23. L'ultimo pallone lo sbaglia Ravenna è sancisce la vittoria gialloblu. 

Ravenna-Verona 0-3 (22-25, 22-25, 21-25 )

CONSAR RAVENNA: Saitta 5, Rychlicki 18, Russo 2, Verhees 3, Raffaelli 2, Poglajen 5, Goi (lib.), Di Tommaso, Argenta 2, Lavia 5. Ne: Frascio (lib.), Elia, Smidl, Marchini. All.: Graziosi.

CALZEDONIA VERONA: Spirito 6, Boyer 16, Birarelli 11, Solè 5, Kaziyski 13, Manavi 2, De Pandis (lib.), Pinelli, Alletti, Sharifi 7. Ne: Giuliani (lib.), Marretta, Magalini. All.: Grbic.

ARBITRI: Vagni di Perugia e Saltalippi di Torgiano.

NOTE: Durata set: 30’, 30’, 29’ tot. 89’. Ravenna (2 bv, 7 bs, 6 muri, 8 errori), Verona (9 bv, 11 bs, 10 muri, 11 errori). Spettatori: 2412 per un incasso di 9511 euro. MVP: Kaziyski.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento