Sport

Volley, la squadra di Ravenna cambia nome e diventa Consar Rcm

L'azienda è operativa anche nella nostra città dove realizzerà il Progetto Hub del porto di Ravenna e la ristrutturazione della banchina Ex Enel Sud

Cambia nome la squadra di pallavolo di Ravenna. Un nuovo sponsor si affianca alla Consar nel sostegno e nello sviluppo del progetto pallavolistico avviato l’anno scorso dal Porto Robur Costa 2030. Si tratta della R.C.M. Costruzioni del gruppo Rainone, azienda operante nel settore delle costruzioni e delle opere pubbliche e private e specializzata nella realizzazione di infrastrutture marittime.

Con la sede centrale a Sarno, in provincia di Salerno, e con diverse Regioni, Province, Comuni, autorità portuali e Aziende ospedaliere tra i suoi clienti, la R.C.M. ha aperto da pochi mesi anche una sede direzionale a Ravenna. Nella nostra città è protagonista di due grandi opere infrastrutturali: il Progetto Hub del porto di Ravenna, essendo l’azienda capofila del Consorzio Stabile Grandi Lavori, vincitore dell’appalto come General Contractor, e la ristrutturazione della banchina Ex Enel Sud, prospiciente il futuro deposito di GNL, a Porto Corsini. L’accordo è stato firmato tra il presidente del Porto Robur Costa 2030, Daniela Giovanetti, e il management di R.C.M., formato da Elio, Eugenio e Valeria, figli dell’ingegner Aldo, fondatore dell’azienda.

R.C.M. sarà partner del Porto Robur Costa per le prossime due stagioni agonistiche. La nuova denominazione della squadra, per il campionato che inizierà ad ottobre, è Consar Rcm Costruzioni Ravenna. Un partner di assoluto spessore, quindi, entra nella famiglia della pallavolo maschile cittadina, a comporre una collaborazione che mette insieme una società sportiva che sta cercando di dare basi sempre più solide al suo percorso di rilancio e crescita del volley in città, ora garantito anche dall’appartenenza al neonato Consorzio per il volley e dall’altro un’azienda dinamica, in grande espansione, con un know how tecnologico di primissimo livello.

“Siamo particolarmente onorati del fatto che un’azienda come R.C.M. abbia deciso di sposare e sostenere il nostro progetto pallavolistico – spiega Daniela Giovanetti, presidente del Porto Robur Costa 2030 –. Speriamo che questo sia il primo passo di una collaborazione più profonda. C’è una base comune: noi abbiamo iniziato un nuovo percorso sportivo in città, R.C.M., con i grandi progetti infrastrutturali che si appresta a realizzare qui da noi, è all’alba di un cammino molto importante a Ravenna. Ed è anche questo aspetto che ci ha avvicinati. Ringraziamo di cuore R.C.M. e la famiglia Rainone per l’attenzione che hanno avuto e il sostegno che hanno deciso di darci, unendo il loro nome accanto al nostro. Ci rende orgogliosi ed è uno stimolo a fare ancora meglio”.

“Ravenna è da oggi anche la città che ospita la nostra nuova sede direzionale e a settembr  inaugureremo i nuovi spazi - hanno aggiunto i vertici di R.C.M. - attraverso i quali la nostra presenza sarà ancora più radicata e strutturata. Con questo gesto confermiamo e rafforziamo il nostro legame con un territorio che siamo certi saprà darci grandi soddisfazioni sul piano professionale, per gli importanti interventi che stiamo realizzando e ci auguriamo altrettanti gratificanti risultati anche sul piano sportivo”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, la squadra di Ravenna cambia nome e diventa Consar Rcm

RavennaToday è in caricamento