Martedì, 18 Maggio 2021
Sport

Volley, perentorio successo della Consar sulla Tonno Callipo

Muro-difesa sono stati i fondamentali che hanno permesso ai bizantini di imporsi sugli ospiti

La Consar riparte di slancio dopo la sconfitta di Milano e contro la Callipo torna al successo salendo al terzo posto a quota 10 punti nella classifica del playoff per la Challenge in attesa dei risultati di giovedì. E’ stata la vittoria del collettivo, con Redwitz ad orchestrare al meglio il gioco e la batteria degli attaccanti a chiudere in doppia cifra (12 punti a testa per Pinali, Recine e Zonca), traguardo che raggiunge anche Grozdanov, che corona la sua valida gara con 10 punti (con 2 muri) e un sontuoso 80%. La Callipo è stata in partita due set, e nel secondo non è riuscita a conservare il margine di 5 punti, cedendo poi nel terzo, nonostante la buona prestazione di Defalco che ha totalizzato venti punti e 61% in attacco, risultando il top scorer dell’incontro.

"Anche quando perdiamo o quando non offriamo le nostre migliori prestazioni come è accaduto lunedì a Milano, ci proviamo sempre - afferma coach Marco Bonitta -. Ci tenevamo a vincere e uscire da questa partita con una bella vittoria era importante. Il secondo set è stato un po' lo spartiacque: lo abbiamo giocato e vinto di squadra, facendo ricorso a molti giocatori e cambiando anche alcune situazioni che loro hanno sofferto. La squadra è ancora viva, lo ha dimostrato ma non avevo bisogno di questa gara per averne conferma”. La partita di domenica pomeriggio a Piacenza diventa per Mengozzi e compagni un vero spareggio per l’accesso alle semifinali.

La partita

Il tecnico romagnolo Marco Bonitta schiera nel sestetto bianconero la diagonale palleggiatore–opposto formata dal 41enne brasiliano Rafa Redwitz e Giulio Pinali, in posto-3 il bulgaro Alexs Grozdanov accanto all’ex Stefano Mengozzi, laterali il forte Stefano Recine con Paolo Zonca, mentre la seconda linea è guidata dal giovanissimo classe 2000 Matteo Pirazzoli. Per Vibo coach Valerio Baldovin si è affidato al capitano Davide Saitta in cabina di regia e Petar Dirlic a completare la diagonale principale, schiacciatori ricettori Torey James Defalco ed il giovane Francesco Corrado, in posto –3 Barthélémy Chinenyeze ed il giovane Giovanni Gargiulo, libero Marco Rizzo.

È un’altra Callipo quella che scende in campo contro Ravenna: più determinata e concentrata, seppur poco precisa in attacco nei momenti topici del lungo set (ben 32 minuti) e fallosa al servizio (4 errori). Prima svolta a favore di Ravenna dal 17-16, con i romagnoli che conquistano quei 2-3 punti di vantaggio, decisivi poi nel finale di set. Vibo però non molla, anzi a fine set prevale in attacco (55% contro il 50% dei locali) sospinta dal solito debordante Defalco, ben 9 punti per l’americano. Così i giallorossi vanno anche avanti (6-7), salvo poi subire un primo break di Ravenna fino al 12-9, grazie al trio Zonca (6 punti)-Recine-Pinali. Il set però ritorna in equilibrio (14-14) grazie anche al contributo di Dirlic e di Corrado autori di 4 punti ciascuno. Quindi dopo l’anzidetto primo break dei romagnoli (cambiano anche il regista da Redwitz a Batak), si arriva al palpitante finale, con Vibo che cerca di recuperare grazie a Defalco e Dirlic (23-21). Quindi un’infrazione in attacco di Pinali fa avvicinare la Callipo (23-22), ma dopo il primo set-point annullato dal solito Defalco, è l’altrettanto indemoniato Recine a chiudere il primo set 25-23.

I segnali positivi intravisti nella metà campo della Callipo nel primo set si confermano per quasi tutto il secondo parziale. Sotto l’abile regia di capitan Saitta, bravo anche a muro, Vibo prende subito le redini del gioco (6-9, 10-13) e sembra gestire con autorevolezza l’andamento della contesa tanto da portarsi avanti nel punteggio. I giallorossi calabresi mantengono un vantaggio di tre punti fino al 13-16. Poco prima coach Baldovin dà spazio anche a Sardanelli per Gargiulo con l’intento di rafforzare la seconda linea. Il prolifico Defalco (altri 7 punti in questo set) continua a martellare – supportato da Dirlic e Chinenyeze (3 punti ciascuno) – e sbagliando soltanto qualcosa a fine set. Da qui in poi però Vibo cala di intensità sia in attacco che in difesa subendo troppo Ravenna con Pinali e Zonca (2 ace per entrambi), rispettivamente 6 e 5 punti, oltre al solito Recine (5, col 67% in attacco) che spingono dai nove metri. A fine set sarà solo il 30% di ricezione positiva per Vibo rispetto al 50% della squadra di Bonitta. Sul finire entra Victor per Dirlic, ma anche qui dopo un set-point annullato, è un errore di Defalco al servizio (25-22) a consegnare il 2-0 a Ravenna.

Parte male la Callipo che sembra accusare il colpo della rimonta ad opera di Ravenna nel set precedente. Sul 7-3 per i romagnoli, coach Baldovin fa entrare Cester e poco dopo spazio anche alla diagonale Chakravorti-Abouba. Vibo però è smarrita, fatica a trovare varchi in attacco anzi resta sempre staccata tanto da subire un -7 (18-11) nella seconda parte del set. Dall’altra parte Ravenna non ha difficoltà, trovando anche le intuizioni del 41enne Redwitz in regia, che varia bene il gioco per i suoi martelli che riescono ad essere sempre incisivi in attacco. Ravenna conferma il cospicuo vantaggio (20-14) e Vibo aumenta il suo score grazie soprattutto a qualche errore punto dei romagnoli. La sorte è ormai segnata e dopo una pipe di Defalco che annulla il primo match-point, è un errore di Victor in battuta a regalare ai padroni di casa set (25-18) ed incontro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, perentorio successo della Consar sulla Tonno Callipo

RavennaToday è in caricamento