rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Sport

Volley, playoff quinto posto: la Bunge vola alla Final Four

In terra calabrese i ravennati superano la Tonno Callipo per l’ennesima volta in quattro frazioni, tirando fuori tutte le loro forze residue

La Bunge va oltre il muro di Vibo Valentia e centra la terza vittoria che vale la qualificazione alla Final Fourdei playoff che valgono il quinto posto che dà diritto all’accesso in Challenge Cup. In terra calabrese i ravennati superano la Tonno Callipo per l’ennesima volta in quattro frazioni, tirando fuori tutte le loro forze residue, sia fisiche sia mentali, in una partita che quasi sempre è stata sul filo dell’equilibrio, annullando anche due set ball che avrebbero portato al tiebreak. Trascinata dall’mvp Torres, top scorer del match con 21 punti, la squadra di Soli ribatte colpo su colpo l’aggressività e la voglia di non mollare mai dei padroni di casa, efficaci in particolare a muro (ben 19), trovando anche una mano preziosa da Kaminski, Grozdanov e Raffaelli, chiamati in causa dalla panchina. Grazie a questa affermazione la Bunge prosegue la sua stagione e nelle semifinali della Final Four, che verrà disputata in campo neutro nel weekend del 22 e 23 aprile, sfiderà la forte Calzedonia Verona.

"Abbiamo sofferto tantissimo e devo fare i complimenti a una Vibo Valentia tutt’altro che dismessa e che ci ha fatto penare molto più che nelle due gare precedenti - afferma coach Fabio Soli -. Noi siamo stati bravi a soffrire e devo fare i complimenti ai miei ragazzi perché le forze stanno calando. Forse lo spettacolo non è stato bellissimo dal punto di vista pallavolistico, però vedere due squadre darsi tutti questi ‘cazzotti’ è un bello spot per il nostro sport. Adesso ci aspetta in gara secca Verona, che è più forte di noi: dovremo giocare sereni e non vedo perché non dobbiamo giocarci le nostre chance fino alla fine”.

Sestetti titolari - La formazione della Tonno Callipo è composta dal palleggiatore Coscione in diagonale con Michalovic, da Thiago Alves e Geiler in banda, da Barone e Deivid Costa al centro e da Marra in seconda linea. Il coach Soli recupera Spirito e lo schiera nel sestetto iniziale assieme all’opposto Torres, gli schiacciatori Lyneel  e Van Garderen, i centrali Bossi e Ricci e il libero Goi.

Primo set - Dopo una prima fase di equilibrio i padroni di casa, spinti da Michalovic e Geiler, piazzano un break di 4-0, passando da 8-7 a 12-7. Vibo Valentia continua la sua marcia allungando a +7 (16-9), ma la Bunge reagisce alla grande con un parziale di 2-9 e pareggia il conto con Torres: 18-18 e time out Kantor. Il sorpasso porta la firma di Raffaelli, che stampa il muro del 19-20 per poi ripetersi nella rigiocata: 19-21. Ricci imita il compagno (19-22) e Michalovic sparacchia fuori la schiacciata per il 19-23, poi Van Garderen mette a terra la palla del 20-24. Geiler e Costa annullano i primi due set ball, infine sulla conclusione di Grozdanov i calabresi commettono un’invasione a rete, ‘vista’ dal videocheck, che regala la frazione a Ravenna: 22-25.

Secondo set - La Tonno Callipo scappa prima con Michalovic (4-2) poi con i muri di Barone (9-5) e Coscione (11-6), con Leoni e Kaminski che entrano a posto di Spirito e Ricci. Lo statunitense si presenta con un bel primo tempo (11-7), ma Costa realizza un altro muro, quello del 13-7, e il coach Soli ferma il match. I padroni di casa premono in modo ulteriore sull’acceleratore e con un break di 6-1 si portano sul 19-8. La Bunge non ci sta e sul turno in battuta Torres si avvicina di nuovo agli avversari grazie a sette punti di fila: 19-15. Il vantaggio accumulato da Vibo è però troppo ampio da colmare e i giallorossi locali lo gestiscono al meglio, chiudendo al primo set ball: 25-19.

Terzo set - Cambia la musica nella frazione successiva, dove Van Garderen (2-4) e Bossi (3-6) scavano un primo solco, che cresce grazie a un muro di Torres: 4-8 e time out Kantor. Un errore di Van Garderen dimezza il vantaggio (7-9) e si prosegue di pari passo fino a quando un muro dell’olandese non blocca la schiacciata di Thiago Alves: 12-16 e il coach argentino chiama ancora i suoi in panchina. Al rientro in campo Lyneel realizza due ace di fila (12-18), per poi però commettere un’infrazione dalla seconda linea: 14-18. L’attacco out di Torres causa il 17-20 della Tonno Callipo, coach Soli chiama time out, ma la Bunge viene bloccata di nuovo da Costa: 19-21 e il tecnico ferma il match.  Lyneel dà la carica ai suoi (19-22), Barone però colleziona un altro muro (21-22) e il videocheck ‘salva’ i ravennati sulla schiacciata lunga di Thiago Alves: 21-23. Michalovic sbaglia la battuta (22-24) e sul primo set point è l’attacco out di Thiago Alves a riportare avanti la Bunge: 22-25.

Quarto set - L’ace fortunoso di Costa vale il 7-4 di Vibo Valentia, acciuffato subito a causa degli errori di Michalovic e Thiago Alves e dal break di Torres: 7-7. L’opposto slovacco realizza il 13-10 a muro su Van Garderen, ma Lyneel e una schiacciata sballata di Costa riporta la Bunge alla pari: 13-13 e time out di Kantor. I ravennati continuano nel break portandolo sul 6-0 grazie a Van Garderen e Torres: 13-16 e nuova sosta per il tecnico di casa. La Tonno Callipo non molla e Michalovic la riporta a -1 (17-18), costringendo Soli a interrompere il match, ma Lyneel spara fuori il diagonale: 18-18. Le due squadre viaggiano a stretto contatto fino al break di Costa a muro: 23-22 e time out Ravenna. Geiler trova l’ace, ‘certificato’ dal videocheck che cambia la decisione degli arbitri, con due palle per i calabresi per pareggiare il conto. La prima viene annullata da Van Garderen, la seconda da Lyneel: 24-24. L’attacco lungo di Geiler cambia l’inerzia del match, con Bossi che stampa il muro vincente fermando Michalovic: 24-26 e vittoria della Bunge, che si qualifica nella Final Four, dove in semifinale affronterà Verona.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, playoff quinto posto: la Bunge vola alla Final Four

RavennaToday è in caricamento