menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volley, prima di campionato: una super Ravenna annichilisce Milano

Nella prima di campionato in casa Ravenna si impone con un 3-0 che non ammette repliche

Una super Consar ha annichilito la Revivre Milano, imponendosi nella prima di campionato in casa con un 3-0 che non ammette repliche. Micidiale al muro la squadra di coach Gianluca Graziosi. Partenza flash per i bizantini, che non regalano nulla a Milano. Il match si mette subito a vantaggio dei romagnoli, che scappano subito sul 15-7. Super la partita di Rychlicki, inventato opposto per effetto dell'assenza di Argenta. Nel secondo set Abdel Aziz prova a tenere Milano in partito, ma poi sale in cattedra Poglajen col servizio e Rychlicki continua nel suo stato di grazia. Nel terzo set gli ospiti sbagliano di tutto, Ravenna & Rychlicki ringraziano.

Standing ovation quinti per una magnifica Consar che, con una partita ai limiti della perfezione. C’era grande attesa in città per questo debutto della rinnovata e ringiovanita Consar Ravenna, come dimostra anche il record storico di abbonati e la squadra di Graziosi ha ripagato questa attesa e questo calore sciorinando una grande prestazione contro l’ambiziosa e quotata Revivre Axopower. I ravennati hanno sfoggiato un match sontuoso in tutti i fondamentali e hanno anche il merito di limitare il temutissimo Abdel Aziz.

Primo set Primo vantaggio della Consar e il pubblico ravennate si esalta per due muri sontuosi di Raffaelli e Russo su Abdel Aziz. Poi ancora Russo piazza la manona su Maar e Abdel Aziz manda fuori un attacco: la Consar vola sul 10-5 e Giani è costretto al primo time out. E’ inarrestabile la Consar in questo frangente, potente in attacco, efficace a muro (ben 7) e ficcante al servizio (4 ace). Milano in difficoltà e Ravenna si porta a + 8 (16-8). Qui la Revivre ha una reazione d’orgoglio, piazza un break di 3-0 che induce Graziosi a chiamare il time-out. E’ quello che serve perché Saitta riprende il comando delle operazioni e la Consar arriva a chiudere la prima frazione sul 25-16 con un attacco vincente di Poglajen e Rychlicki.

Il secondo set scorre via punto a punto, poi un superbo muro di Verhees e due ace di Poglajen procurano il primo strappo (11-8). Giani corre ai ripari con un time-out che però non scuote Milano e nemmeno Abdel Aziz, marcatissimo. Ravenna continua a martellare, a battere bene e a murare: l’allungo è quello decisivo (14-9 e 17-11), fino ad un altro legittimo e meritato +8 (22-14). Un ace di Poglajen, un errore di Maar e un muro di Smidl stampano il clamoroso 25-14.

Non cambia l’inerzia del match nel terzo set: sul 2-2 c’è un’accelerata di Ravenna, con un break di tre punti (5-2). Consar scatenata, Milano incapace di arginarla e si arriva al time out di Giani sull’8-4 per Ravenna. La Revivre si scuote (8-6) ma è un fuoco di paglia perché Rychlicki sale in cattedra e  firma il nuovo allungo (12-8). La Revivre continua a faticare e per la Consar è una passerella festosa verso la vittoria, sancita da un muro di Poglajen, che manda in visibilio i duemila del Pala De Andrè.

Commenta coach Graziosi: "Se questo successo lo avessi sognato e disegnato non mi riusciva così bene: siamo stati pressoché perfetti, abbiamo preparato molto bene la partita, abbiamo applicato tutto quello che ci eravamo prefissati. Li abbiamo sempre messi sotto pressione, non li abbiamo fatti mai ragionare, e questa deve essere un po’ la nostra forza. Questa vittoria è una bella iniezione di fiducia in vista di Civitanova e Modena ma noi ci siamo prefissati l’obiettivo di giocare bene a pallavolo e sappiamo che se uno gioca bene, ci dà dentro, i risultati li ottiene. Sappiamo che arriveranno momenti difficili, però se uno crede nel lavoro verrà sempre premiato e questo è l’obiettivo reale dello spogliatoio”.

Deluso dall'altra parte mister Andrea Giani: "Siamo una squadra molto cambiata, ci sono tante cose da sistemare ancora e praticamente siamo stati al completo sono nell’ultima settimana. In più il nostro palleggiatore rientrava da un infortunio. Questo però non deve essere una giustificazione: quella che è mancato, oltre alla parte tecnica, è stata la capacità di poter stare nella partita, ricorrere alle nostre risorse. Siamo andati in difficoltà da subito, e solo in una parte di ogni set siamo riusciti a stare in equilibrio. Si può perdere, ci sta di perdere ma si può lottare molto di più”.

Consar Ravenna - Revivre Axopower Milano 3-0 (25-16, 25-14, 25-15) - Consar Ravenna: Saitta 2, Raffaelli 7, Russo 9, Rychlicki 18, Poglajen 9, Verhees 11, Marchini (L), Goi (L), Smidl 1. N.E. Argenta, Di Tommaso, Lavia, Elia. All. Graziosi. Revivre Axopower Milano: Sbertoli 2, Clevenot 8, Bossi 7, Abdel-Aziz 6, Maar 9, Kozamernik 5, Hoffer (L), Pesaresi (L), Tondo 0. N.E. Basic, Izzo, Gironi, Piano. All. Giani. ARBITRI: Cesare, Luciani. NOTE - durata set: 24', 24', 25'; tot: 73'.

Fotoservizio di Massimo Argnani

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento