rotate-mobile
/~shared/avatars/42850553333087/avatar_1.img

mauro

Rank 25.0 punti

Iscritto giovedì, 8 novembre 2012

In via Bevanella "una montagna di rifiuti speciali"

"E pensare che quando si è trattato di sparare ai daini facevano la fila.
Perché lo facevano per il Parco, da più di 3 anni ci sono copertoni di moto,eternit e adesso questa " montagna" ma nessuno si vede..."

2 commenti

Incidenti senza fine, questa volta a farne le spese è un ciclista in via Zampeschi

"Non conosco la dinamica ma da esperienza diretta, penso che se non si mette fine alla tolleranza per l'uso sproporzionato e anarchico delle bici questi incidenti non diminuiranno mai. Mi ricordano le " vacche" sacre indiane! ( io uso bici e auto) ma non si può permettere tutto a chi è convinto che non inquinando ha il diritto di andare in ogni modo."

3 commenti

Caso daini, il cadavere di una nutria appeso su un cartello stradale

"In via Bevanella di cose moleste e pericolose c'è ne sono molte, eternit ( anche macinato recentemente dal taglio di erba), copertoni moto ( un centinaio che giacciono li' da almeno 3 anni) anche dei bidoni strani ( sempre abbandonati nel fosso). Ma alla provincia cosa interessa? Aprire il LunaPark dei cacciatori. Un daino non provoca il cancro, un daino non contamina la falda acquifera. Ipocriti!"

7 commenti

Incrocio "Madonna del Pino", stanno per entrare in funzione gli autovelox sull'Adriatica

"Quanta ipocrisia! Limiti di velocità messi al solo scopo di evitare ricorsi per le buche e autovelox per fare cassa! Su quasi tutta la statale in questione c'è il limite dei 50 km/H che nessuno rispetta e se qualcuno lo facesse sarebbe " strombazzato" da camionisti inferociti.
Per ovviare a questo, si mettono gli autovelox dove ci sono i 70 km/h, già sapendo che per multare qualcuno bisognerà fotografarlo almeno a 86km orari. A 86km orari l' incrocio delle Terme rimane pericolosissimo perché chi svolta ha la visuale limitata dai cartelli stradali. Tutto questo si sa', però qualcosa va fatta e almeno " facciamo" cassa!"

1 commenti

Daini, la segnalazione: "Ma le altane della proviincia sono a norma?"

"Non si può " semplificare" il problema sicurezza attribuendo l'organizzazione degli abbattimenti ai semplici cacciatori!
Dietro ad una scelta così seria e " sofferta" c'è uno studio del territorio e una compatibilità dell'esubero dei capi. Non posso credere che la " soluzione" sia stata frutto di tante considerazioni e la realizzazione degli abbattimenti organizzata a sportivi della domenica.
Questo è un problema gestito e risolto da un Ente Pubblico che non può permettersi certe mancanze perché esso stesso garante delle Regole.
I signori che salgono sulle " torri" hanno il diritto dovere di essere tutelati e garantiti nel servizio che fanno!
Volendo mettere da parte le polemiche sulla necessità di abbattere i daini, rimane la necessità di tutelare gli operatori che eseguono un servizio per un Ente Pubblico.
Invece di criticare le mie perplessità date delle risposte tecniche che garantiscano i parametri della sicurezza."

5 commenti

Daini, la segnalazione: "Ma le altane della proviincia sono a norma?"

"Al signor" gab" rispondo: il mio ambiente di lavoro e' fortemente tutelato e Controllato, e quantomeno dopo una segnalazione pubblica sarebbe stato sottoposto a verifiche.
Quando tutto questo non succede c'è qualcosa che non va!
"Basterebbe " che un responsabile dell'ente preposto dicesse " e' tutto in regola", se questo non succede lascia seri dubbi sull'onesta di chi gestisce la cosa Pubblica."

5 commenti

Daini, la segnalazione: "Ma le altane della proviincia sono a norma?"

"Sarà ma se volessi fare un lavoro con quelle attrezzature sono sicuro che la " legge" correrebbe a salvarmi ( punendomi).
Se un operatore si dovesse far male e rimanere invalido, oltre al danno per la persona ci sarebbe un serio danno per la comunità che dovrebbe economicamente aiutarlo.
E poi bisognerebbe valutare il rischio di un'arma di precisione ( come quelle usate dagli addetti della provincia) che potrebbe mandare colpi accidentali in una zona adiacente a strade, case e luoghi di passaggio.
("

5 commenti

In centinaia da tutta la Romagna a Ravenna per le aste "all'americana"

"Purtroppo non è stata proprio come descritta ( io c'ero) i lotti erano già stati " visitati e valutati" . Quindi le sperate sorprese erano possibili.
Solo uno ( il primo e praticamente vuoto ) era senza un prezzo di base.
Tutti gli altri erano stati ispezionati e valutati dal personale preposto che sapeva cosa c'era e ne aveva fatto una valutazione. Nulla a che fare con la serie tv."

2 commenti

In via Bevanella "una montagna di rifiuti speciali"

"E pensare che quando si è trattato di sparare ai daini facevano la fila.
Perché lo facevano per il Parco, da più di 3 anni ci sono copertoni di moto,eternit e adesso questa " montagna" ma nessuno si vede..."

2 commenti
  • Invio contenuti (generico): 5 Contenuti inviati
RavennaToday è in caricamento