Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Regala buste di frutta ai passanti: il cuore grande di Paolo finisce in tv - VIDEO

 

Vi ricordate la storia di Paolo Maraldi, "l'uomo della frutta"? Vi avevamo raccontato di lui in più occasioni, l'ultima a luglio scorso, quando il 76enne cervese aveva nuovamente scaldato il cuore di tanti concittadini con un piccolo gesto di buon vicinato, invitando chiunque volesse a recarsi nella propria abitazione per ritirare sacchetti di albicocche gratis. Stessa cosa aveva fatto l'inverno precedente, regalando le pere volpine che aveva raccolto in eccesso dai propri alberi.

La sua generosità non è rimasta inosservata. Domenica, infatti, il programma televisivo di Rai1 'A sua immagine' ha dedicato un servizio al buon cuore di Paolo. Nel video, in cui fa più volte capolino l'inseparabile compagno del 76enne, il cagnolino Ragù, l'uomo dalla sua casa di viale Oriani spiega come è iniziato tutto: "Ho diversi alberi da frutta, e i miei preferiti sono i frutti dimenticati come pere volpine, nespole, giuggiole, mele e pere cotogne - racconta Paolo - Quando c'era mia moglie ci faceva marmellate e frutta sciroppata, ma dieci anni fa è venuta a mancare e io non li ho più usati. Così ho iniziato a regalarli ai vicini. Poi mi hanno insegnato a usare il computer, e allora ho iniziato a fare dei sacchetti, li ho appesi e ho scritto su Facebook che avevo della frutta da regalare appesa al cancello. La prima volta erano 40 chili di frutta che avrei buttato via, e così in poche ore invece sono andate a ruba. Per me era una cosa normalissima, mi ha stupito che si siano interessati in tantissimi, i giornali locali e nazionali, ho anche ricevuto una lettera del sindaco. Vorrei sensibilizzare le persone a fare la stessa cosa che sto facendo io, ci sarebbe un gran risparmio, invece oggi c'è uno spreco enorme". "Una storia di una dolcezza e di una poesia incredibile", commenta sorridente la conduttrice del programma di Rai1 Lorena Bianchetti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RavennaToday è in caricamento