Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La testimonianza di Patrizia, sopravvissuta al Coronavirus: "E' stata dura, sono fortunata" - VIDEO

La voce rotta dal pianto, lo sguardo stanco e provato, la mascherina abbassata. Non è facile raccontare quello che ha appena vissuto, ma Patrizia ha deciso di provarci

 

La voce rotta dal pianto, lo sguardo stanco e provato, la mascherina abbassata. Non è facile raccontare quello che ha appena vissuto, ma Patrizia ha deciso di provarci. La 52enne, residente a Villa Inferno, è sopravvissuta al Coronavirus e ora è tornata a casa. Ma il suo "incubo" non è ancora finito: tanto che il video che ha deciso di condividere è girato nella sua camera da letto dove è reclusa in isolamento, lontana dalla sua famiglia.

La lunga lotta di Patrizia: "Mi bruciava tutto il corpo, quando ho scoperto di avere il Coronavirus mi è crollato il mondo addosso"

"Volevo condividere con voi quello che mi è successo - racconta Patrizia schiarendosi la voce - Sono ancora molto provata, è stata dura però sono fortunata perchè sono riuscita almeno a tornare a casa dalla mia famiglia. Sono stata contagiata quando ancora le restrizioni non erano state attuate del tutto. Io sono sempre stata attenta, gli altri no, quindi nella sfortuna sono stata fortunata. Sono a casa ma ancora in isolamento, quindi non posso stare con i miei figli e con mio marito".

Patrizia trattiene a fatica le lacrime. "Per questo ho accettato di fare questo video, per dirvi che non vi dovete lamentare se state a casa - continua la donna - Ringraziate di non essere negli ospedali e di non avere accanto una persona che sta male, perchè per noi è molto dura. Voi state con le vostre famiglie e vi divertite, fate tante cose che magari finora non siete mai riusciti a fare, e questo è importante. Questo virus è molto contagioso, ed è importante anche se i contagi diminuiscono rimanere comunque in casa. Se una persona del nucleo familiare non sta bene, bisogna autoisolarsi almeno per sette giorni e chiamare il medico, come noi abbiamo fatto. Vi abbraccio tutti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
RavennaToday è in caricamento