Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Violenze nella casa famiglia per anziani: le ospiti vittime indifese - VIDEO

Prese a calci, pugni, testate, addirittura legate al letto con catene metalliche e lucchetti: più che casa famiglia per anziani si potrebbe parlare di casa degli orrori, visto quanto emerso dalle indagini che, nella notte tra lunedì e martedì, hanno portato a un blitz dei Carabinieri all'interno della 'Casa famiglia per anziani Oscar Patrizia' di Sant'Alberto. Qui i militari avevano appena assistito a un episodio osceno, ripreso dalle telecamere nel video, che ha portato all'immediato intervento: una dipendente, insieme a uno dei titolari, dopo aver portato in bagno un'anziana e averle gettato acqua fredda addosso, avrebbero iniziato a picchiarla con schiaffi, calci e addirittura testate, per poi trasferirla in uno sgabuzzino e incatenarla a una brandina. Le telecamere, posizionate dalle forze dell'ordine dopo alcune segnalazioni di comportamenti strani da parte degli anziani, pervenute quasi un mese fa tramite amici e parenti delle vittime, mostrerebbero come i due fossero soliti maltrattare e picchiare le anziane ospiti, tutte donne tra gli 80 e i 91 anni, fino a contenere le stesse in maniera illegale con catene e lucchetti. Scene pesanti, raccapriccianti nei confronti di una categoria debole e indifesa. Quando i Carabinieri hanno effettuato il blitz, la coppia avrebbe addirittura finto che l'anziana che avevano appena legato nello sgabuzzino non fosse presente nella struttura: ma i militari avevano visto tutto tramite le telecamere, così hanno arrestato i due - un 63enne ravennate e una 49enne di origini rumene - in flagranza per maltrattamento e sequestro di persona. Dopo aver fatto sgomberare le sei anziane ospitate nella casa famiglia, poi smistate in alcuni ospedali, i militari dell'arma e del nucleo Nas hanno apposto i sigilli all'edificio, aperto da un paio d'anni, ponendolo così sotto sequestro. Le indagini sono attualmente in corso anche per verificare le autorizzazioni della struttura e la sua posizione del punto di vista amministrativo.

 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RavennaToday è in caricamento