Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'auto carambola in un bacino di scolo: incidente distrugge la vita di due fidanzati

A perdere la vita un 31enne residente a Predappio e una 27enne, che si trovava alla guida dell'auto

 

Sull'asfalto è ben visibile l'impronta lasciata dai pneumatici. Un improvviso scarto a destra. L'auto che è carambolata fuori strada e che ha concluso la corsa in un laghetto, pieno a causa delle piogge intense delle ultime settimana. A bordo vi erano due giovani, rimasti incastrati all'interno dell'abitacolo e che sono morti annegati. Sciagura stradale nella tarda mattinata di mercoledì lungo il tratto faentino dell'autostrada A14 Bologna-Taranto. A perdere la vita un 31enne residente a Predappio e una 27enne, che si trovava alla guida dell'auto: le vittime sono Brahim Habbi, nato in Marocco e residente a Predappio, dove giocava a calcio come centrocampista dello Sporting Predappio, e Maria Shaitit, residente a Reggio Emilia.

Il dramma si è verificato intorno alle 12 all'altezza del chilometro 64 direzione nord, praticamente all'altezza dell'uscita di Faenza. La dinamica del sinistro è al vaglio agli agenti della Polizia Stradale di Forlì, si è trattata di un'uscita autonoma di strada. La vettura, una "Fiat 500", dalla terza corsia avrebbe tagliato tutta la carreggiata per poi precipitare nella scarpata e finire la sua corsa all'interno del laghetto ruote all'aria. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 con un'ambulanza e l'auto col medico a bordo, i Vigili del fuoco con la squadra sommozzatori.

Il personale del 115 si è tuffato nelle acque, ma per i due giovani non c'era già più nulla da fare, erano ancora dentro al veicolo. I sommozzatori hanno provveduto quindi alla rimozione delle salme. La circolazione stradale non ha subìto particolari ripercussioni alla circolazione stradale.

Videoservizio di Massimo Argnani

Potrebbe Interessarti

Torna su
RavennaToday è in caricamento