Camerlona e Savarna, 71 anni fa l'eccidio: mercoledì la commemorazione

Nelle due località si svolgeranno i tradizionali momenti commemorativi, promossi dall’Anpi di Lugo, Mezzano, Piangipane, Savarna, con il patrocinio dei Comuni di Ravenna – assessorato al Decentramento e Lugo e con l’adesione e il sostegno del comitato cittadino di Mezzano

Mercoledì prossimo ricorre il 71° anniversario dell’eccidio di Camerlona e Savarna, nel quale vennero uccisi dai fascisti a Camerlona Erminio Salvatori, Pietro Lucci, Lino Mascanzoni, Angelo Lolli, Stefano Miccoli, Vincenzo Zanzi; a Savarna Aristide, Luciano e Nello Orsini, Giuseppe Fiammenghi e Ivo Calderoni. Nelle due località si svolgeranno i tradizionali momenti commemorativi, promossi dall’Anpi di Lugo, Mezzano, Piangipane, Savarna, con il patrocinio dei Comuni di Ravenna – assessorato al Decentramento e Lugo e con l’adesione e il sostegno del comitato cittadino di Mezzano.

La cerimonia di quest’anno si arricchisce con l’inaugurazione di una targa commemorativa realizzata dagli studenti della classe terza F del liceo artistico Nervi – Severini di Ravenna, in programma per le 17.30 a Camerlona, in via Lumiera 2, nel cortile retrostante il ristorante “Le Streghe”, angolo via Reale di fronte alla via Piangipane, luogo nel quale furono incarcerati i martiri di Savarna durante l’esecuzione di Camerlona. Dopo lo scoprimento della targa Luigi Roncuzzi interpreterà il monologo di Serena Pasini “Le ombre”.

Interverranno poi Medarda Gianstefani, segretaria dell’Anpi di Mezzano; Marcello Landi, dirigente scolastico del liceo artistico Nervi – Severini; Giuseppe Masetti, direttore dell’Istituto storico della Resistenza in Ravenna; il vicesindaco del Comune di Ravenna Giannantonio Mingozzi e l’assessore comunale di Lugo Fabrizio Lolli.Al termine visita ai cippi commemorativi di Camerlona e Savarna per la deposizione di corone.

Gli allievi del corso di mosaico del liceo artistico Nervi Severini si sono attivati per la realizzazione della targa in seguito a una lezione tenuta per loro dal presidente provinciale dell’Anpi Ivano Artioli e dalla segretaria dell’Anpi di Mezzano Medarda Gianstefani, proprio sugli eccidi di Camerlona e Savarna. Sulla nuova targa, commemorativa delle vittime di Savarna, i ragazzi hanno impostato la composizione dei nomi e delle frasi già riportate nella precedente targa, determinando il tipo e la dimensione del carattere e concedendo spazio anche alla raffigurazione dei volti dei protagonisti di questa terribile vicenda: Aristide, Luciano e Nello Orsini assieme a Giuseppe Fiammenghi e Ivo Calderoni. Successivamente altri allievi si sono documentati su fonti iconografiche ritraenti i cinque antifascisti uccisi per individuare una sintesi pittorica dei volti idonea alla realizzazione in mosaico. Hanno partecipato a questa realizzazione tutti gli allievi della classe terza F indirizzo arti figurative – mosaico con l’impegno particolare di Soraia d’Accico, Letizia Fratta, Vita Lordi, Bianca Passanti, Chiara Piovan, Carlotta Vicchi, Riccardo Vierani, con il coordinamento della professoressa Elena Pagani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento