Un cartello alle porte della città: "Bimbi andrà tutto bene, stiamo a casa"

Un cartello che invita a stare a casa è comparso sabato mattina alle porte di Fruges, sulla San Vitale all’ingresso della città, in corrispondenza dell'ingresso del Comune provenendo da Bologna

Un cartello che invita a stare a casa è comparso sabato mattina alle porte di Fruges, sulla San Vitale all’ingresso della città, in corrispondenza dell'ingresso del Comune provenendo da Bologna. Il cartello, realizzato dall’artista massese Renato Mancini, recita “Bimbi, andrà tutto bene! Stiamo a casa!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grazie a tutte le persone che si stanno impegnando per rendere meno faticosa questa fase, nel rispetto delle misure adottate e necessarie per sconfiggere il virus - commenta il sindaco di Massa Lombarda, Daniele Bassi - La creatività dei miei concittadini è di grande conforto, insieme al rigore e alla severità con cui dobbiamo rispettare i provvedimenti assunti. Naturalmente spero che questo cartello sia visto ‘dal vivo’ solo da coloro che escono di casa per i motivi previsti dal Decreto in vigore. Nel nostro territorio saranno intensificati i controlli da parte delle forze dell’ordine per verificare il rispetto delle norme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento