Coronavirus, la cooperativa dona tablet all'ospedale per i pazienti ricoverati

I tablet permetteranno ai pazienti ricoverati di rimanere in contatto con le proprie famiglie per poi entrare, a emergenza terminata, nella dotazione tecnica e informatica dell'ospedale

LaCorelli società cooperativa ha voluto fare la sua parte nell'emergenza sanitaria della lotta al Covid-19. Non era possibile, questa volta, organizzare un concerto di raccolta fondi: quindi lo staff della cooperativa si è rivolto direttamente ai responsabili del fundraising dell'Ausl per sapere di cosa ci fosse bisogno. E' così che LaCorelli ha donato all'ospedale di Lugo 5 tablet destinati al reparto Covid, che permetteranno ai pazienti ricoverati di rimanere in contatto con le proprie famiglie per poi entrare, a emergenza terminata, nella dotazione tecnica e informatica dell'ospedale. Altri due tablet sono stati donati dal Rotary Club di Lugo.

“In questo momento così difficile - spiegano dalla Cooperativa - abbiamo voluto fare anche noi la nostra parte, stringendoci intorno alla nostra comunità per ribadire il profondo senso di appartenenza e il debito di riconoscenza che ci unisce ad essa, in particolare attraverso il legame con l'Azienda sanitaria locale, che sta combattendo in queste settimane una battaglia in prima linea. Un aiuto concreto che siamo onorati e felici di poter portare oggi a nome della nostra cooperativa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Stiamo utilizzando questi 7 tablet per far sì che i pazienti, quando sono in condizioni di farlo, possano avere una breve conversazione coi loro famigliari, anche ‘guardandosi’, sebbene a distanza - spiega il dottor Paolo Fusaroli, direttore del presidio - Certo è una situazione difficile, ma abbiamo riscontrato che questo contatto visivo è molto importante anche da un punto di vista psicologico, sia ai pazienti sia ai loro parenti. Uno strumento in più che si associa ai contatti che manteniamo col massimo impegno, con le famiglie dei pazienti, per informarli delle loro condizioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • Staff a contatto con un soggetto a rischio Coronavirus: il sushi chiude

  • Pulizie accurate e addio buffet: per hotel e camping "questo sarà un anno da dimenticare in fretta"

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento