Enpa di Lugo, assistiti oltre 400 gatti: la metà proviene da abbandoni

Complessivamente più di 400 i gatti che l'Enpa di Lugo ha assistito e curato nell'infermeria felina di Bizzuno (nel 2014 furono 273), una ventina gli interventi chirurgici e 282 gli interventi per sterilizzazioni

E' tempo di bilanci per la sezione lughese che a pochi giorni dall'inizio del nuovo anno diffonde i dati relativi all'attività del 2015. "E' stato un anno molto impegnativo e intenso - afferma Elio Geminiani neo presidente della sezione lughese - sia per il numero di animali assistiti sia per la difficoltà di portare avanti un lavoro che richiede operatività quotidiana esclusivamente con l'ausilio di un gruppo di volontari che dedicano parte del loro tempo libero alla tutela, alla cura e al rispetto dei diritti degli animali'.

Il 2015 è stato sicuramente un anno dalla parte degli animali come testimoniano i numeri: complessivamente più di 400 i gatti che l'Enpa di Lugo ha assistito e curato nell'infermeria felina di Bizzuno (nel 2014 furono 273), una ventina gli interventi chirurgici e 282 gli interventi per sterilizzazioni. E' bene ricordare che l'infermeria ospita animali incidentati/abbandonati per il tempo necessario alla cura e alla restituzione ai legittimi proprietari o all'affidamento ad eventuali richiedenti.

Degli oltre 400 gatti ospitati circa la metà proviene da abbandoni, un numero molto preoccupante che ancora una volta dimostra come chi adotta un animale molto spesso non è consapevole dell'impegno che quest'ultimo richiede pensando che sia un essere indipendente e non abbia bisogno di cure e attenzioni e che quindi ci si possa facilmente sbarazzare di lui.

La sezione lughese ha inoltre recuperato e curato allattandoli e svezzandoli una decina tra cuccioli di riccio, gufo reale, civetta, lepre e picchio rosso.Sul fronte adozioni sono stati 270 i gatti a cui è stata trovata una nuova casa e per questo i volontari desiderano ringraziare di cuore tutte le persone che hanno deciso di 'allargare' la loro famiglia accogliendo un amico a 4 zampe. 22 il numero di gatti che si erano persi e che sono stati restituiti ai legittimi proprietari grazie soprattutto alle condivisioni sui social network.

Emblematico a questo proposito il caso di un gattino smarrito a Castel Bolognese, salito accidentalmente su un’autovettura e ritrovato dopo una decina di giorni in centro a Faenza grazie alla pagina Facebook della sezione lughese. I decessi, circa una novantina, hanno interessato in prevalenza gattini abbandonati o gatti adulti incidentati e/o malati arrivati in gravi condizioni di salute nonostante le immediate e tempestive cure veterinarie. 

Oltre all'attività di soccorso vi è stata un'intensa attività istituzionale di rapporti con i referenti dei Comuni dell'Unione, l'organizzazione banchetti di raccolta fondi e sensibilizzazione ad un corretto rapporto uomo-animale (60), la programmazione di eventi di beneficenza e numerose iniziative educative (giornata contro l'abbandono, festa degli amici cucciolotti, giornata degli animali, raccolte cibo, open day infermeria felina).

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Sport

      Re Giorgio non abdica: la 100 Km del Passatore per la 12esima volta consecutiva è sua

    • Sport

      OraSì, vigilia di Gara 1: "Sarà una montagna difficile da scalare"

    • Cronaca

      Punti nascita a Lugo e Faenza, l'Ausl: "I livelli di sicurezza sono garantiti"

    • Cronaca

      Drogato al volante rischia il frontale contro la Polizia: denunciato un 41enne

    I più letti della settimana

    • Dopo il tamponamento viene sbalzata nell'altra corsia e centrata in pieno: muore a 26 anni

    • Dramma sulla Circonvallazione di Faenza: un morto in un terribile frontale contro un camion

    • Faenza, tre nuovi autovelox: ecco dove sono stati installati

    • La bici si spezza nell'impatto: muore travolta da un'auto

    • "Lavoravo 70 ore a settimana a 5 euro l'ora, è lecito rifiutare lavori sottopagati"

    • Giorgia e Laura dicono "sì" davanti al sindaco: "Ora siamo una famiglia"

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento