La denuncia del sindacato di Polizia: "Grave carenza di personale in Questura"

Il Sap: "Per la sola Questura di Ravenna il numero dei poliziotti andati in pensione nel corso di quest’anno è esattamente pari a quello dei nuovi arrivati: 12"

Giunti alla fine dell’anno, il Sindacato autonomo di Polizia (Sap) analizza la situazione complessiva della Polizia di Stato e commenta la condizione logistica e organica degli Uffici della provincia di Ravenna. "Quest’ultimo periodo è stato denso di impegni tesi a migliorare le condizioni di tutto il settore della sicurezza - spiegano dal Sap - In occasione della predisposizione della legge di bilancio abbiamo incontrato vari esponenti del Governo, tra i quali anche il Ministro dell’Interno, chiedendo loro un’adeguata attenzione nei confronti degli uomini e delle donne in divisa. Il Governo da parte sua ha più volte assicurato il massimo impegno sul nuovo riordino delle carriere e garantito che predisporrà un adeguato stanziamento per il pagamento degli straordinari in esubero, per gli equipaggiamenti e per la manutenzione delle strutture. Tutto questo, se realizzato, unito alla richiesta di introduzione di idonee garanzie funzionali, potrà certamente migliorare la qualità del lavoro quotidiano degli operatori di polizia".

Nel corso degli incontri l'organizzazione sindacale ha inoltre evidenziato i problemi dovuti alla perdita di addetti: "Solo per la Polizia di Stato, si è registrata una carenza di oltre 20mila uomini - proseguono dal sindacato - Nel piano di potenziamento degli organici stabilito per l’anno 2018/2019, per la provincia di Ravenna è prevista un’assegnazione di 20 unità, 12 già assegnate ad aprile e 8 previste in arrivo a febbraio; ma tale intervento, se isolato, non può certo risolvere la grave carenza di uomini di cui soffre la Polizia, anche in questo territorio. Per la sola Questura di Ravenna il numero dei poliziotti andati in pensione nel corso di quest’anno è esattamente pari a quello dei nuovi arrivati: 12. Nel 2019 sono ovviamente previste altre uscite che, per ora, pare non saranno compensate dalle assegnazioni programmate. E’ una situazione che si ripercuote negativamente sul personale che deve fronteggiare le crescenti esigenze operative con disagi e tensioni che lo privano della necessaria tranquillità per svolgere i propri compiti. Le criticità verificatesi in questa provincia comportano un’innegabile situazione di precarietà. che determina nel personale interessato un’instabilità delle turnazioni e, comunque, in alcune realtà, già da tempo, non consentono di garantire una presenza costante della volante. La carenza di organico riguarda tutte le articolazioni della Questura, ma vorremmo in particolare sottolineare la ricaduta che tale situazione ha sull’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico dove, diversamente da quanto accade oggi, vista anche la peculiarità del territorio sarebbe auspicabile si garantissero quotidianamente almeno tre volanti per turno. Ricordiamo poi che a Ravenna, dal 1949, l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico svolge anche le funzioni di Polizia di frontiera marittima. E’ questo un aspetto sul quale vorremmo porre una speciale attenzione poiché, nel corso degli anni, le incombenze derivanti dall’incremento del traffico passeggeri e mercantile sono continuamente cresciute e la particolare conformazione delle banchine del porto cittadino, estese per oltre 18 km e provviste di un elevato numero di varchi, rende particolarmente impegnativi i controlli. Il numero di uomini attualmente impiegato in tali mansioni, già insufficiente (5 unità), dovrà essere presto rimpinguato e ciò, senza interventi mirati, potrà avvenire solo a discapito di altri settori della Questura che, sebbene necessitanti a loro volta di rinforzi, comunque sino ad oggi sono riusciti a conseguire risultati rilevanti a seguito dei quali, specie per il contrasto al terrorismo, si sono manifestamente congratulati, oltre alle istituzioni locali, anche il Capo della Polizia ed il Ministro dell’Interno".

Il Sap teme che eventuali ulteriori riduzioni di organico possano rendere più difficoltoso, in futuro, il raggiungimento di simili successi. "Rammentiamo infine che l’immensa area portuale riveste un’enorme importanza per la città di Ravenna e per l’intera realtà economica collegata e che l’Ufficio di Frontiera svolge anche l’attività di frontiera aerea, in quanto sul territorio di competenza vi sono due avio superfici da cui partono numerosi velivoli diretti soprattutto in Croazia - concludono dal Sap - Numerose poi sono le imbarcazioni private che salpano da Ravenna e dal 2019 è già prevista l’attivazione di un regolare servizio passeggeri da e per la Croazia, con cadenza bisettimanale. In previsione, per l’anno 2019, di un aumento del traffico commerciale del 10%, come dichiarato dall’Autorità Portuale, sarà necessario accrescere anche i servizi di controllo, vigilanza e security. In assenza di consistenti trasferimenti di personale da parte del Dipartimento della P.S., per non aggravare le già precarie condizioni della Questura, una soluzione al problema potrebbe essere rappresentata dall’istituzione di un Ufficio di Frontiera alle dipendenze dell’ottava Zona di Polizia di Frontiera per l’Emilia Romagna, Marche e la Toscana di Bologna. In ogni caso pare necessario che la provincia di Ravenna sia al più presto destinataria di un adeguato incremento di personale per consentire, a chi vi opera, lo svolgimento di un’efficace ed efficiente attività di Polizia e la massima fruibilità dei diritti previsti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Il dramma di Lorenzo, morto annegato nel canale di Milano Marittima: studiava per diventare chef

  • Tragedia sulle strade: 17enne precipita nel canale e perde la vita

  • Il dramma di Lorenzo, eseguita l'ispezione cadaverica. Perizia fotografica sulla minicar

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

Torna su
RavennaToday è in caricamento