Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

Si respira un'atmosfera da bottega all'interno del nuovo Mercato Coperto di Ravenna, a due giorni dall'inaugurazione ufficiale attesa da anni dalla città

Sfogline già intente ad impastare e a tirare la sfoglia al mattarello. Centrifughe in azione. Profumo di pane appena sfornato nell'aria. Ceste di frutta e verdura fresca e biologica in bella vista. Affettati e formaggi da tutta italia. Pasticcini, mini-panettoni, il carretto artigianale del gelato. Bottiglie di vino e di olio. Piadina, carne, la griglieria, il bancone del pesce, due ristoranti. Tavoli e sedie di ogni forma in cui sedersi a degustare i prodotti. Legno ovunque, elemento predominante. Nel piano superiore tavoli, divani in pelle, specchi, quadri dei Beatles, una libreria, uno spazio eventi e un cocktail bar degli anni '20. I due storici "pistrici" che svettano sopra alle bancarelle, e sul bancone del bar d'ingresso la scritta che rappresenta ogni ravennate: "Siamo tutti leoni".

Si respira un'atmosfera da bottega all'interno del nuovo Mercato Coperto di Ravenna, a due giorni dall'inaugurazione ufficiale attesa da anni dalla città. "Un luogo del cuore per i ravennati, che significa tanto per la città - come spiega la direttrice dei lavori Tiziana Maffei - Un mercato ricco di significati e di simboli. Ho sempre pensato che questo spazio fosse una sorta di basilica, con queste arcate che danno molta importanza alla luce, e mantenere questa luminosità è stato il tema principale della ristrutturazione. A inizio '900 il mercato coperto aveva l'obiettivo di fare lavorare le imprese locali: ed è esattamente questo che fa il nuovo mercato coperto".

"Un progetto a cui lavoriamo dal 2013, volevamo fare in modo che questo mercato fosse degno di quelli delle capitali europee - spiega Beatrice Bassi di Molino Spadoni - Così abbiamo creato un'offerta in banchi, ognuno con una propria identità. Banchi che sono pezzi d'antiquariato che arrivano da tutta Italia". "Una perla nel cuore della città - continua orgoglioso il sindaco Michele de Pascale - Ravenna merita uno spazio di questo tipo da grande capitale qual è. Un lavoro strepitoso".

Dopo i lavori di recupero e trasformazione condotti da Coop Alleanza 3.0, che comprendono anche la realizzazione di un negozio Coop, e il nuovo allestimento e l’offerta curati da Molino Spadoni, questo spazio pieno di storia e di fascino si presenterà ancora più ricco di gustose opportunità: un luogo ritrovato, ma anche uno spazio innovativo dove fare la spesa di tutti i giorni, mangiare e incontrarsi dal mattino fino a tarda sera e dove assistere anche ad eventi e spettacoli. Un vero centro di attrazione economica e sociale per una delle principali città d’arte italiane, riqualificato con una particolare attenzione alla accessibilità ed alla sostenibilità.  Il “nuovo” mercato sarà aperto tutti i giorni, dal primo mattino fino a tarda sera, e occuperà 44 persone dai 22 ai 70 anni.

Il nuovo Mercato coperto

In piazza Andrea Costa il 5 dicembre si accenderanno anche le insegne di un “mercato nel Mercato”: quelle del punto vendita Coop dove, in 230 metri quadri, i clienti troveranno un assortimento di prodotti pensato per la piccola spesa quotidiana o per un acquisto “dell’ultimo momento” ma di qualità. Tutto intorno, ravennati e turisti potranno lasciarsi sorprendere dai tanti chioschi di Molino Spadoni dedicati alla produzione, alla vendita e alla ristorazione con le migliori specialità del territorio: il banco salumi e formaggi, la macelleria e griglieria, la pasta fresca, la piadineria, la panetteria, focacceria e pasticceria, la pescheria e coquillage, il ristorante, lo spazio Sscchi, estratti e centrifughe, la caffetteria e gelateria. Quest’ultimo spazio verrà gestito con la torrefazione romagnola Caffè Pascucci. Al primo piano si trovano l’area cocktail-bar e piccola ristorazione, con tavoli e sedute, un ampio spazio dedicato a spettacoli, concerti, presentazioni ed eventi, l’area temporary shop e un angolo libreria, gestito con la collaborazione di Librerie Coop. Il bar e tutti i chioschi saranno aperti tutti i giorni, dalle 8 alle 24, e anche più tardi in serate speciali come il Capodanno; il supermercato Coop, fino al 6 gennaio sarà aperto dal lunedì alla domenica dalle 8 alle 21.

I negozi e il ristorante

Ci sarà la possibilità di mangiare a tutte le ore e anche di fare consegne a domicilio. Nelle 11 botteghe destinate alla spesa quotidiana o a quella più importante, all’asporto o al consumo all’interno del Mercato, sarà quindi possibile trovare formaggi, salumi, carni, pasta fresca tirata a mano dalle sfogline e “azdore” romagnole, così come prodotti di gastronomia, tutti provenienti da produttori con denominatori comuni quali qualità, attenzione al territorio di provenienza e presidio della filiera. Oltre alla Mora Romagnola si troveranno numerose varietà di carni, tra queste anche carni bianche, provenienti da allevamenti naturali a terra. All’interno del Mercato inoltre verrà servita birra cruda prodotta dal birrificio del Molino Spadoni appositamente per il Mercato Coperto, non pastorizzata e non filtrata, con ricette dedicate e che varieranno nel corso dell’anno. Al Gruppo Pascucci è affidato non solo il bar principale dell’atrio proprio all’ingresso di Piazza Andrea Costa, allestito da Mc con una importante scenografia e due storici leoni in pietra, ma anche la zona cioccolateria e praline con marchio Rizzati e la gelateria artigianale.

Al piano superiore, con affaccio sul piano terra e sulle ampie vetrate di questo splendido edificio, un importante bar in stile Decò, destinato alla mixologia botanica e ai “classici”, per un aperitivo o un dopo cena, anche gustando le pizze alla pala. Con tavoli e sedute libere e disponibili durante tutta la giornata, quest’ area affiancherà il palco destinato a spettacoli, concerti, presentazioni ed eventi. Sarà aperta dalla tarda mattinata fino a oltre la mezzanotte e ci si potrà accomodare per un tè o un caffe un cocktail in qualunque momento della giornata. Ci si potrà sedere liberamente anche solo per godersi uno dei burger acquistati al piano inferiore oppure per un goloso cono di fritti, o per un calice di vino, una tisana, o un gelato.

Gli investimenti per riqualificare l’esterno e l’interno dell’edificio sono stati di oltre 13 milioni di euro, di cui 10,4 milioni di Coop Alleanza 3.0 per il restauro e l’adattamento funzionale e la realizzazione del punto vendita Coop, e 2,7 milioni di euro di Molino Spadoni per l’allestimento degli spazi e la gestione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento