Specialisti dei furti in trasferta nel Forlivese col "kit del ladro": bloccati dalla Polizia

Entrambi sono stati bloccati giovedì pomeriggio nel corso di una serie di controlli finalizzati a prevenire e reprimere i reati predatori ed i furti nelle abitazioni

"Specialisti dei furti" in trasferta nel Forlivese. Nella rete degli agenti delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale dela Questura di Forlì, diretti dal dirigente Stefano Santandrea, e del personale dei Reparti Prevenzione Crimine di Bologna, sono finiti un 48enne di origini bosniache ed un 44enne di nazionalità albanese, residenti nel ravennate e già noti alle forze dell'ordine. Entrambi sono stati bloccati giovedì pomeriggio nel corso di una serie di controlli finalizzati a prevenire e reprimere i reati predatori ed i furti nelle abitazioni.

L’attività, consistente in posti di controllo eseguiti in diverse zone di Forlì, ha permesso di individuare e bloccare due individui, sospettati di preparare una serie di furti in appartamenti, auto in sosta o esercizi commerciali. I due si sono fatti notare nel quartiere di Cà Ossi, mentre a bordo della loro "Volkswagen Golf" serie 5 di colore argento, percorrevano alcune vie della zona residenziale a bassa velocità, osservando attentamente i veicoli in sosta e le abitazioni private. Questo è bastato ai poliziotti delle Volanti per iniziare a tenerli d’occhio, sino a quando, probabilmente accortisi di essere osservati, hanno cercato di svicolare per vie traverse, ma invano.

Prontamente bloccati e controllati, sono stati trovati in possesso del kit del ladro, cioè alcuni cacciaviti di grosse dimensioni, guanti e torce elettriche a led. La verifica dei loro nominativi nella banca dati delle forze di Polizia ha confermato i motivi di sospetto: entrambi, infatti, risultano già segnalati per furto in abitazione, in esercizio commerciale e su veicoli in sosta, oltre che per possesso di strumenti da scasso; uno di loro ha anche un recente passato nel mondo del traffico di stupefacenti.

Si tratta di un italiano di origini bosniache di 48 anni, e di un albanese 44enne, entrambi domiciliati nella zona di via Tommaso Gulli a Ravenna. Entrambi hanno trascorso il giovedì sera in Questura, in attesa del completamento degli accertamenti e della compilazione dei verbali di polizia necessari per la denuncia da inoltrare alla Procura per il possesso di arnesi da scasso, reato previsto dall’articolo 707 del Codice Penale, che prevede l’applicazione di una pena fino a due anni di arresto.

Il quadro complessivamente emerso, tenendo conto del loro atteggiamento, dei loro precedenti, degli arnesi che possedevano e del fatto che erano in “trasferta” poiché provenienti da Ravenna, dove sono ben conosciuti, fa ritenere che grazie al piano di controllo del territorio posto in essere dalla Polizia, sia stato raggiunto un importante risultato in termini di prevenzione dei reati, mandando all’aria un probabile progetto criminoso in via di realizzazione diretto ad aggredire le proprietà private del circondario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento