"Un riferimento per tutta la nostra comunità": la città saluta don Luigi

Queste le parole che il sindaco Eleonora Proni ha rivolto a monsignor Luigi Guerrini in occasione del saluto del Consiglio comunale e della città al suo parroco per 25 anni

"Lei è stato, lei è non soltanto una figura importante per la comunità cristiana di Bagnacavallo, ma un riferimento per tutta la nostra comunità e ne ha rappresentato un punto fermo". Queste le parole che il sindaco Eleonora Proni ha rivolto a monsignor Luigi Guerrini nel corso del Consiglio comunale di giovedì, in occasione del saluto del Consiglio stesso e della città al suo parroco per 25 anni, recentemente trasferito a nuovo incarico presso le parrocchie di Errano, Celle e Castel Raniero, nel Faentino.

"Don Luigi si è costruito tutto questo – ha aggiunto il sindaco – non con l’autorità di una carica ma con serietà, pazienza, autorevolezza, giorno per giorno, incontrando le persone e affrontando le situazioni e i problemi". L’omaggio tributato a don Luigi è stato particolarmente sentito da tutti i presenti, a tratti addirittura commosso. Accanto all’introduzione del presidente del Consiglio comunale Perla Micheli e agli interventi dei capigruppo consiliari Angela Rossetti, Davide Giovannini, Angelo Ravagli e Francesco Zannoni, la parola è stata data anche a persone esterne al Consiglio comunale, evento irrituale ma giustificato dalla particolarità dell’evento. A portare il loro saluto al parroco sono stati infatti anche il presidente della Pro Loco di Bagnacavallo Arnaldo Castellucci e l’artista e critico d’arte Carlo Polgrossi, che con don Luigi hanno collaborato per diversi anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel ringraziare la comunità e la cittadinanza per la vicinanza nei lunghi anni di servizio e l’affetto dimostrato in questa occasione, don Luigi ha ricordato di aver cercato di esprimere il suo impegno pastorale "come impegno civile e nello stesso tempo religioso, aspetti che non sono contrapposti ma semplicemente distinti e nella vita si possono esprimere realizzando la stessa azione. Sono contento che questo saluto avvenga oggi, nel giorno della Liberazione di Bagnacavallo – ha aggiunto don Luigi – perché mi consente di richiamare a tutti i valori della Costituzione, valori umani e che per la nostra Italia sono anche valori cristiani, frutto di due gruppi che hanno trovato in loro l’unità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Colto da un malore fatale mentre guida: camionista perde la vita

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

Torna su
RavennaToday è in caricamento