Una via intitolata a Don Elvezio Tanasini, scomparso nel 2004

Insignito di un attestato ufficiale con croce per meriti partigiani, un suo energico intervento in seno alla Giunta popolare fermò una spirale di vendette e morti che l’odio politico aveva scatenato dopo l’avvenuta liberazione

Sabato 12 gennaio alle 10.30 nel piazzale antistante l’Istituto comprensivo “Manara Valgimigli”, in via Reale 280 a Mezzano, si svolgerà la cerimonia di intitolazione di via Don Elvezio Tanasini. Saranno presenti monsignor Lorenzo Ghizzoni, Arcivescovo metropolita dell'Arcidiocesi di Ravenna-Cervia e Gianandrea Baroncini, assessore al Decentramento del Comune di Ravenna

Nato a Roncalceci nel 1918 e deceduto a Ravenna nel 2004, monsignor Tanasini fu cappellano di Mezzano negli anni 1943-1945 e si distinse per la sua attività nel Comitato locale di liberazione. Insignito di un attestato ufficiale con croce per meriti partigiani, un suo energico intervento in seno alla Giunta popolare fermò una spirale di vendette e morti che l’odio politico aveva scatenato dopo l’avvenuta liberazione. Proseguì la propria missione sacerdotale a Portomaggiore e a Cervia, sempre mosso dall’amore per gli altri e per la libertà.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Finge un problema all'auto e blocca le due presunte ladre d'appartamento

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Escort e over 45, trasgressione senza età: il lato piccante di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento