Il potere dei sogni nella "Cenerentola" di Bubenicek

  • Dove
    Teatro Alighieri
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 15/02/2020 al 16/02/2020
    sabato alle 20.30 e domenica alle 15.30
  • Prezzo
    da 5 a 32 euro
  • Altre Informazioni

Una ragazza coraggiosa, capace di credere ai suoi sogni e di non arrendersi ai rovesci del destino: è la Cenerentola di Jiří Bubeníček, che apre la stagione di danza del Teatro Alighieri a Ravenna sabato 15 febbraio alle 20.30 e in replica domenica 16 alle 15.30.

È una versione stringata, 70 minuti senza intervallo, basata sulle musiche di Prokof’ev, e che l’artista praghese ha creato per le misure del Nuovo Balletto di Toscana, un organico di 14 elementi scelti, diretti da Cristina Bozzolini, che si sono lanciati con entusiasmo nell’avventura moderna e un pizzico pop di quest’eroina da libro di fiabe.

Dopo essere stato eccellente danzatore, Jiří Bubeníček è alla sua seconda carriera di successo come coreografo. Nato a Praga nel 1974 da genitori circensi, Jiří ha respirato fin da piccolo aria internazionale assieme al gemello Otto, così da scegliere di emigrare presto, una volta scelta la danza come professione. A lungo sono stati punte di diamante della compagnia amburghese di John Neumeier, dove Jiří ha interpretato ruoli di spicco, come il Nijinsky creato appositamente per lui, passando poi con eguale fortuna come primo ballerino a Dresda. Oggi, quarantacinquenne, affronta con medesima luminosità il mestiere di autore (mentre il fratello Otto, spesso al suo fianco come collaboratore, ha scelto di dedicarsi alla scenografia), chiamato a lavorare per molte compagnie internazionali. Nel suo nuovo curriculum figura già una lunga lista di creazioni, tra le quali soggetti originali come il lavoro multimediale su Kafka o il Dottor Zivago.

Con la Cenerentola  - coprodotta con il Maggio -, si cimenta ancora una volta con un titolo di repertorio, dopo la Carmen messa in scena all’Opera di Roma. Ma lo fa sempre a modo suo, estrosamente, mettendo mano a (quasi) tutti gli elementi, dalla regia alle scene, dalla coreografia al soggetto, ispirato al racconto dei fratelli Grimm, ma rimaneggiato in chiave più moderna. Affiancato da Nadina Cojacaru – compagna d’arte e di vita, che firma i costumi e partecipa alla drammaturgia -, Jiří Bubeníček  mette da parte gli elementi più fiabeschi che la precedente versione della Cenerentola di Perrault seguiva  e sceglie di esaltare quelli simbolici, a volte più crudi e realisti, proposti dai fratelli Grimm. La protagonista del suo balletto prende così in mano le redini del suo destino, si fa forte dell’eredità spirituale lasciatale dalla madre e realizza i suoi desideri. Il suo apprendistato di vita è un pellegrinaggio anche interiore, un dialogo intimo con se stessa e i ricordi della mamma scomparsa prematuramente. La capacità di rendersi artefice della propria felicità, sulla scorta degli insegnamenti materni.

Biglietti da 8 a 32 euro, ridotti da 8 a 28 Euro. Speciale giovani under 14 5 euro (esclusa platea), under 18 e universitari under 30 50% su tariffe ridotte.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Maurizio Lastrico ci guida "Nel mezzo del casin di nostra vita"

    • 3 marzo 2020
    • Teatro Walter Chiari
  • Una "Massa di risate" con lo storico duo comico Gigi e Andrea

    • 28 marzo 2020
    • Sala Del Carmine
  • Annullato il balletto di Alonzo King

    • oggi e domani
    • dal 29 febbraio al 1 marzo 2020
    • Teatro Alighieri

I più visti

  • Rinviato il concerto di Bugo

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Annullata la Sagra della Seppia

    • dal 17 al 22 marzo 2020
    • centro commerciale di Pinarella
  • Gastronomia, vino, musica e riti antichi con i “Lòm a Merz”

    • 15 marzo 2020
    • Torre di Oriolo dei Fichi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento