Ravenna rende omaggio ad Anna Magnani con una serie di iniziative

“Sono tanti i significati espressi in queste iniziative dedicate ad Anna Magnani", ha affermato l'assessore ai servizi demografici Massimo Cameliani

Pochi sanno che la grande Anna Magnani, una delle più importanti attrici del cinema italiano, ha origini ravennati. Dalle ricerche svolte dall’Associazione Alteo Dolcini risulta infatti che i suoi nonni abitassero in via Lametta nel Borgo San Rocco prima di trasferirsi a Roma. Per dare valore a questo significativo legame tra la nostra città e la Magnani, il Comune in collaborazione con l’Associazione Alteo Dolcini e con il contributo del Credito Cooperativo ravennate e imolese, in occasione della sua data di nascita, il 7 marzo 1908, ha in programma tre iniziative pubbliche che spaziano tra le arti visive, la letteratura e  la toponomastica femminile.

“Sono tanti i significati espressi in queste iniziative dedicate ad Anna Magnani – ha affermato l'assessore ai servizi demografici Massimo Cameliani. -. Il fatto che le sue radici, le sue origini appartengano alla nostra città è la molla che ha fatto scattare l’idea di promuovere questi eventi di livello, non senza un pizzico di orgoglio, per rafforzare questo legame. Si tratta di iniziative che abbracciano la sua vita personale e cinematografica attraverso la presentazione della biografia e la mostra delle foto dei set cinematografici con un partner di alto profilo come la Cineteca nazionale. Dopo il tributo a Michelangelo Antonioni e al suo Deserto Rosso e alle iniziative che dedicheremo il mese prossimo a Gian Maria Volontè, diamo continuità anche alla valorizzazione dei grandi del cinema del secolo scorso e li rendiamo immortali assegnando loro i toponimi di luoghi cittadini”.

Il calendario degli appuntamenti si apre venerdì 6 marzo a Palazzo Rasponi dalle Teste dove alle  17 verrà inaugurata la mostra fotografica dal titolo “15 Fotografi per Anna”, aperta fino al 29 marzo (chiuso il martedì). L’esposizione è curata di Sergio Toffetti e realizzata in collaborazione con il Centro Sperimentale di cinematografia - Cineteca Nazionale; consiste di oltre 30 pannelli di immagini provenienti dalla collezione di negativi della Fototeca della Cineteca Nazionale che ritraggono l’attrice sui set dei maggiori film da lei interpretati, tra cui Avanti a lui tremava tutta Roma (1946), L'onorevole Angelina (1947), Assunta Spina (1948), Una voce umana (1948) e Bellissima (1951). In mostra sarà possibile assistere alla proiezione  di materiali video realizzati l’occasione.

Sempre venerdì, alle 18, nel salone nobile, si svolgerà la presentazione della  biografia di Anna Magnani, edita da Bompiani, con l’autrice Matilde Hochkofler, organizzata dal  Centro Relazioni Culturali. Matilde Hochkofler, studiosa di cinema e appassionata biografa, restituisce la figura umana e artistica di una delle più importanti attrici del cinema italiano, la cui immensa caratura artistica l’ha portata alla ribalta internazionale, culminata nel premio Oscar, il primo assegnato a un’italiana. Sabato 7 marzo alle 11,30 il tributo a Nannarella, nella ricorrenza del suo compleanno, avviene con l’inaugurazione del toponimo Piazzetta Anna Magnani allo spazio lungo via Romolo Ricci (Borgo S.Rocco). La cerimonia vedrà la presenza del sindaco Fabrizio Matteucci, dell’assessore ai servizi demografici Massimo Cameliani e di Andrea Dolcini, presidente della Associazione Alteo Dolcini cui si deve la scoperta delle origini ravennati dell’attrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento