Pasquale Colucci espone la sua "Art in music"

Artista poliedrico che ispira le sue composizioni musicali di Musica Ambient, una fusione che va da Brian Eno ai Sonic Youth, Pasquale Colucci espone la sua Art in Music all'Arena del Sole di Lido di Classe dal 23 luglio al 31 agosto

Nato nel 1975 a Cosenza e cresciuto in provincia ad Oriolo, Pasquale Colucci già da piccolo spaziava in diverse forme creative: disegnava, colorava e suonava percussioni per una incline esigenza di seguire le orme del padre che suonava il corno francese. Dopo il diploma di maturità si trasferisce a Milano dove inizia a studiare chitarra moderna e grafica pubblicitaria; nel contempo inizia diverse esperienze lavorative. Più tardi, dopo sette anni a Milano, torna al sud e incomincia un'intensa produzione di opere pittoriche, musicali, web design e fotografiche. Intraprende, dopo anni di ricerca, un suo stile pittorico personale e debutta nelle prime mostre collettive. Ma non solo. Comincia a frequentare botteghe d'arte e maestri per iniziare a fare la spola tra la Calabria e la Puglia - terra d'origine di suo nonno paterno – e, nel contempo, incomincia a intraprende un intenso periodo di viaggi all'estero dove scopre le culture del mondo e visita i principali musei d'arte.

L'esordio con le mostre personali avviene presto e in pochi anni espone in molte città i suoi lavori accompagnati sempre dalle sue composizioni musicali ispirati ai dipinti. Ha partecipato ad eventi anche all'estero e pubblicazioni in cui sono presenti opere dei più grandi artisti internazionali. Il suo stile pittorico, di una forza creatrice in cui il disegno geometrico sposa il colore e la luce, racchiude in sé la musica e la natura – i due grandi amori di Colucci – che danno ai suoi lavori un coinvolgimento emotivo di attrazione e coinvolgimento fuori dal comune. La gioia dell’arte e della “grande bellezza” sposano le percezioni dell’emozione.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • "Ascoltare Bellezza": l'intervento artistico di Nicola Samorì

    • Gratis
    • dal 21 dicembre 2019 al 21 febbraio 2020
    • Biblioteca Classense

I più visti

  • Tanta bontà alla Sagra del Cappelletto invernale

    • dal 1 al 2 febbraio 2020
    • Associazione Auser - Bocciofila
  • Una serata a caccia di fantasmi tra i luoghi "infestati" di Romagna

    • 1 febbraio 2020
    • ritrovo a Villa Laderchi (La Rotonda)
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Federico Moccia a caccia di "stelle" in Romagna: nuovo romanzo e casting per il film "Innamorarsi in chat"

    • Gratis
    • 1 febbraio 2020
    • Casa Margot di Milano Marittima
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento