Coronavirus, la Pigna: "Serve un piano a favore delle aziende del porto"

La Pigna scrive al presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centro settentrionale Daniele Rossi per proporre un piano a favore delle aziende portuali e commerciali concessionarie

La Pigna scrive al presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centro settentrionale Daniele Rossi per proporre un piano a favore delle aziende portuali e commerciali concessionarie. "Il porto di Ravenna è uno dei pochissimi assets, se non l’unico, che non è stato travolto dalla crisi economica degli anni scorsi - spiega la capogruppo Veronica Verlicchi - E' indubbio che le attività economiche portuali siano uno dei volani della nostra economia cittadina e non solo e, proprio per questo, vanno tutelate e salvaguardate. E con esse i lavoratori. Oggi, la crisi economica conseguente all'emergenza sanitaria Covid-19 rischia di trascinare con se anche le attività portuali, i concessionari demaniali e, conseguentemente, l’intero indotto. In assenza di provvedimenti da parte dell’Autorità di sistema portuale, abbiamo scritto al presidente Rossi affinché adotti, nel più breve tempo possibile, un piano di sostegno economico a favore dei dipendenti, degli operatori portuali e dei titolari di concessioni demaniali. Il punto che riteniamo essere nevralgico è quello della sospensione dei pagamenti dei canoni demaniali da parte dei titolari delle relative concessioni, in linea con quanto previsto dal decreto “Cura Italia”, per imprese portuali, di logistica portuale e per imprese che hanno in concessione aree e banchine portuali. Analogamente, riteniamo fondamentale sospendere il pagamento del canone demaniale per i titolari di concessione esercenti attività di ristorazione, commerciali, turistiche e bar".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questi provvedimenti sono indispensabili per non appesantire le condizioni economiche e finanziarie dei suddetti soggetti, data la riduzione dell’attività e in alcuni casi addirittura la sospensione a causa dell'emergenza sanitaria in atto - continua Verlicchi - Nel caso delle concessioni demaniali per le piccole attività di ristorazione, commercio, turismo e bar è altresì opportuno prevedere la riduzione del canone annuale, laddove possibile, a fronte della inevitabile e consistente riduzione del fatturato. I canoni demaniali attualmente risultano avere importi esosi tanto che alcune attività dei nostri lidi, non essendo più in grado di sostenere tali costi, hanno interrotto definitivamente la propria attività, mentre altre arrancano. Infine, data la criticità derivante dalla crisi economica e dalla forte preoccupazione per la ripresa nel breve periodo, proponiamo di sospendere per un anno tutti i procedimenti di recupero crediti già avviati (con esclusione di quelli derivanti da sentenze favorevoli già emesse e dei provvedimenti in corso a rischio di prescrizione). E' con spirito costruttivo e di collaborazione che abbiamo trasmesso queste nostre richieste al presidente Rossi, auspicando che trovino una ampia e rapida condivisione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • Staff a contatto con un soggetto a rischio Coronavirus: il sushi chiude

  • Pulizie accurate e addio buffet: per hotel e camping "questo sarà un anno da dimenticare in fretta"

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento