Elezioni a Cervia, Michela Brunelli si candida al consiglio con un programma incentrato sullo sport

Michela è infatti una delle poche indipendenti nelle fila della lista del Partito Democratico per il prossimo consiglio comunale, a sostegno del candidato Massimo Medri

Michela Brunelli si candida al consiglio comunale di Cervia da indipendente nella lista del Pd. Lo sport è la sua vita, da sempre: come passione, come pratica sportiva, come lavoro a livello organizzativo. E oggi Michela Brunelli ha deciso di mettere la sua esperienza e il suo entusiasmo al servizio di chi si propone di governare la città nel prossimo quinquennio. Michela è infatti una delle poche indipendenti nelle fila della lista del Partito Democratico per il prossimo consiglio comunale, a sostegno del candidato Massimo Medri.

50 anni, cervese doc, Michela ha iniziato a giocare a basket quando ne aveva 11 e ha sempre militato a Cervia, anche in anni in cui il basket femminile era di un livello molto più competitivo rispetto ad ora, arrivando fino alla serie B. Stefano, suo marito – col quale ha tre figli - è un allenatore di basket professionista. Da quando ha appeso le scarpette al chiodo, Michela fa parte dello staff che coordina l’esperienza cestistica cervese: “Oggi contiamo circa 400 fra ragazzi e ragazze: militano in campionati che coprono tutte le categorie, dal baby basket all’Under 20 maschile e Serie C femminile. Personalmente credo molto nello sport come mezzo di integrazione e superamento dei propri limiti; credo in progetti di inclusione che mettano al primo posto la persona in quanto tale, e che ne favoriscano la crescita e l’integrazione. Se sarò eletta in consiglio comunale, lavorerò per favorire ed agevolare la crescita delle associazioni sportive esistenti e supportarle fin dalla loro costituzione. Sul territorio cervese, iscritte alla Consulta dello Sport operano oltre 30 associazioni sportive: dobbiamo fare in modo che tutte abbiano uno spazio idoneo dove svolgere le loro attività. Sarà importante dare sempre maggiore impulso alla Consulta, che ha proprio lo scopo di raccogliere le esigenze delle associazioni, interpretarle e creare un maggior dialogo con l’amministrazione comunale.   Inoltre sarà importante creare “oasi sportive” sul nostro territorio, luoghi all’aperto in cui i ragazzi si possano esprimere liberamente qualunque sia lo sport prediletto; creare una maggiore sinergia fra la scuola e le associazioni sportive, affinché i nostri ragazzi siano maggiormente stimolati a svolgere anche attività sportiva. Una scuola che punta alla crescita dei nostri giovani è anche una scuola che incoraggia i ragazzi a sperimentarsi su altro. Lo sport deve essere anche il luogo in cui trovano spazio anche i ragazzi con disabilità favorendo sempre di più l’integrazione con i loro compagni. Infine, un tema fondamentale è il turismo sportivo: Cervia in questi anni è cresciuta enormemente da questo punto di vista. Vogliamo continuare a progredire in questa direzione sapendo che il nostro un territorio estremamente adatto allo svolgimento di diverse discipline sportive, esaltando quelle che sono le sue caratteristiche principali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento