Il sottosegretario alla Giustizia Morrone a Lugo per parlare di sicurezza

Si è tenuto lunedì sera al Teatro Comunale di Russi l'incontro organizzato dal candidato sindaco Andrea Flamigni, della Lista Civica Russi Libera e Sicura, sul tema della sicurezza

Si è tenuto lunedì sera al Teatro Comunale di Russi l'incontro organizzato dal candidato sindaco Andrea Flamigni, della Lista Civica Russi Libera e Sicura, sul tema della sicurezza. Ospite d'onore Jacopo Morrone Sottosegretario alla Giustizia.

"La sicurezza non ha colore politico - ha esordito Flamigni - il nostro primo manifesto elettorale aveva come slogan Russi SiCura, criticato dal candidato sindaco del Pd pochi giorni fa durante il confronto fra candidati sindaco che ha detto "Russi, sicura da cosa?"". Flamigni ha letto alla platea dei partecipanti una parte dei furti e rapine avvenute nel comune di Russi negli ultimi anni che hanno interessato abitazioni civili, aziende agricole, esercizi commerciali, pompe di benzina, bar, tabaccherie, istituti di credito e veicoli commerciali di artigiani: "La sicurezza è un punto fondamentale del nostro programma, caro a tutte le forze civiche e politiche che sostengono la lista".

Flamigni ha ceduto poi la parola a Morrone, che ha trattato temi inerenti la sicurezza quali la legittima difesa a tutela di chi viene aggredito in casa propria o nel proprio esercizio commerciale, "codice rosso" a sostegno delle donne vittime di aggressioni, il progetto "scuole sicure" con una particolare attenzione allo spaccio di sostanze stupefacenti in prossimità degli edifici scolastici. Si è parlato anche di mafia, un tema non estraneo al nostro territorio. "Quando si parla di mafia - ha esordito Morrone - non dobbiamo pensare allo stereotipo del mafioso con la coppola e la lupara, ma a una mafia in giacca e cravatta". "Purtroppo - ha proseguito Flamigni - anche sul nostro territorio nel recente passato abbiamo avuto evidenza della presenza di infiltrazioni di stampo mafioso. Ricordiamo a San Pancrazio il sequestro di 800 chilogrammi di sostanze stupefacenti, l'arresto di 2 latitanti e il sequestro di immobili riconducibili ad associazioni mafiose".

Flamigni ha concluso la serata ricordando che per la lista civica Russi Libera e Sicura, la sicurezza è un punto cardine da estendere anche alla salute ed all'ambiente, "due tematiche strettamente correlate tra loro visto l'oramai imminente avvio della centrale a biomasse".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Finge un problema all'auto e blocca le due presunte ladre d'appartamento

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Lotta per la vita il 14enne precipitato da un balcone dell'hotel

Torna su
RavennaToday è in caricamento