Scintille tra il giornalista di Repubblica e Salvini: "Vada a riprendere i bambini". Lui: "Mi dà del pedofilo?"

Matteo Salvini ha presentato la festa della Lega Romagna, in programma da venerdì a martedì prossimi

Conferenza stampa con polemica, quella di Matteo Salvini a Milano Marittima. Il "faccia a faccia" diretto è stato tra il videomaker che ha girato il video del giro del figlio sedicenne di Salvini sulla moto d'acqua della polizia, condotta da un poliziotto e il ministro stesso. Non sono mancati momenti di tensione, quando appunto il giornalista di Repubblica, Valerio Lo Muzio - lo stesso che, un paio di giorni fa, ha ripreso il figlio del ministro portato sopra una moto ad acqua della Polizia - è tornato sulla questione: "Non parlo di figli, bimbi e minori, che devono stare fuori dalla polemica politica. Attaccate me e con questo ho detto tutto e non ho altro da aggiungere".

Lo Muzio ha incalzato Salvini e chiesto piò volte chi fossero le persone che lo hanno controllato, ma il ministro ha replicato: "Vada a riprendere i bambini, lei che è specializzato" poi, di fronte alle insistenze del cronista ha sbottato: "Vada a riprendere i bambini in spiaggia visto che le piace tanto". E Lo Muzio: "Mi sta dando del pedofilo?", il ministro: "No, lei riprenda i minorenni. Le sto dicendo che i figli vanno tenuto fuori dalla polemica politica, i bambini sono fuori dalla polemica politica. Non ho niente da dire, attaccate me, non mio figlio". Alla fine delle conferenza stampa qualche altro cronista ha provato a domandare della questione, ma la risposta è sempre la stessa. A Lo Muzio, che infine gli ha chiesto se non ritenesse di dovere delle scuse per la vicenda del figlio sulla moto ad acqua della Polizia, il ministro ha ironizzato: "Ti invito ad andare insieme in pedalò, visto che sei maggiorenne. E ci facciamo fare delle foto". A raccontare lo screzio tra il giornalista e il ministro legista è l'agenzia Dire.

IL VIDEO - La lite in diretta tra il ministro Salvini e il giornalista che lo incalza

La conferenza stampa

"Ringrazio la Romagna che da qualche anno dà una splendida accoglienza a me, mio figlio e a milioni di italiani e turisti stranieri". Matteo Salvini ha esordito così nella conferenza stampa di presentazione della festa della Lega Romagna, in programma da venerdì a martedì prossimi a Milano Marittima-Cervia, in piazzale dei Salinari. Il leader nazionale del Carroccio ha esordito annunciando che "il candidato al governo dell'Emilia Romagna parlerà nei prossimi giorni e sarà interessante entrare nel merito del progetto di governo e del futuro di questa splendida terra, che ha già tanto tanti segnali di voglia di cambiamento, come accaduto a Forlì e Ferrara. A me piacerebbe che fosse Lucia Borgonzoni la prossima governatrice regionale e penso che ne abbia tutte le potenzialità. Stiamo lavorando non solo sulla squadra, ma al programma di governo".

I temi nazionali

Salvini ha anche parlato di temi nazionali, come il ritorno dell'educazione civica nelle scuole ("è un impegno che c'eravamo presi) e lo sviluppo delle infrastrutture. "Non ci fermiamo e ogni giorno cerchiamo di meritarci la fiducia che ci danno gli italiani e che ci chiedono di governare. Sabato sera tirerò le somme di un anno di governo". Ha quindi annunciato un "agosto di lavoro, di ufficio, ma anche di ascolto". Tra le priorità il decreto sicurezza bis, l'incontro con le associazioni produttive e quindi un tour nel centro-sud Italia. Il ministro dell'Interno e vicepremier ha anche commentato i dati economici diffusi mercoledì, che vedono un aumento dell'occupazione ed una flessione della disoccupazione. "La crescita è ferma ed è la prova del fatto che nella prossima manovra economica ci deve essere un profondo taglio delle tasse. Stiamo lavorando su più fronti e sono ben felice rispetto ai dubbi dello scorso anno, aldilà dei voti delle elezioni europee. Gli italiani ci riconoscono concretezza, coerenza, lealtà ed efficacia". Sulla giustizia: "I tempi sono fuori dal mondo. Serve una pesante riforma che dimezza i tempi dei processi".

VIDEO - Salvini: "Nella prossima finanziaria un taglio pesante delle tasse"

Le vittorie di Forlì e Ferrara e non solo

Il collega agli Affari europei Lorenzo Fontana si è complimentato "per i risultati ottenuti in regione e i prossimi che verranno", e il segretario della Lega Romagna, Jacopo Morrone, gongola. Il sottosegretario alla Giustizia ha riportato alcuni dei "buoni risultati" portati a casa in questo anno di governo, dalla legittima difesa al codice rosso, fino al rito abbreviato. Senza dimenticare le vittorie del centrodestra alle amministrative di Forliì e Ferrara, "il miglior risultato dopo anni di lavoro". La festa sarà dunque l'occasione per ascoltare e incontrare ministri, e non solo, del Carroccio, da Salvini e Fontana, da Erika Stefani a Massimiliano Fedriga. Tra i temi anche quello dell'autonomia, "nato in Lombardia e Veneto e su cui l'Emilia-Romagna segue la buona strada portata avanti dalla Lega.
Infine con il ministro dell'Istruzione, Marco Busetti, verrà annunciata un'iniziativa contro la mafia: untour nelle scuole della macchina di Falcone e Borsellino. "La Lega - ha concluso - sarà sempre a fianco della gente".

Il caso Bibbiano

“Approvata dalle commissioni Affari Costituzionali e Giustizia del Senato l’istituzione della commissione d’inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori. Per noi la tutela dei bambini viene prima di ogni cosa. Grazie a Matteo Salvini, al Ministro Fontana e a tutti i colleghi della Lega che hanno lavorato al provvedimento. Casi come quelli di Bibbiano non devono ripetersi mai più”. Lo scrive su Facebook il sottosegretario alla Giustizia, on. Jacopo Morrone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento