← Tutte le segnalazioni

Giorno della Memoria: "Ricordiamo anche lo sterminio degli armeni e la tratta degli schiavi"

Redazione

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime dell'Olocausto. È stato così designato dalla risoluzione 60/7 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005. Quel giorno rappresenta il simbolo vero della "cicatrice incancellabile del periodo disumano" durato ben 12 anni (1933-1945), che il popolo degli ebrei ha dovuto subire, con un bilancio stimato a circa 6 milioni di morti; forse anche molti di più.

Per non dimenticare questo unico giorno internazionale dedicato alla memoria, credo sia opportuno collegare a questo giorno anche tutti gli altri stermini. Ad esempio quello degli armeni (1915-1916) per i quali si contano circa 2 milioni di morti, forse anche di più. Lo sterminio delle popolazioni dell'Africa nel periodo coloniale, dove solo in Congo ha causato più di 10 milioni di morti negli anni in cui il paese fu sottoposto al dominio personale di Leopoldo II, Re del Belgio. Quello della tratta atlantica degli schiavi africani durata circa 300 anni (XVI - XIX secolo), dove si parla di un numero fra 10 e 50 milioni di morti, forse anche molto di più. Per compiere tutti questi crimini contro l'umanità, fu creata la più grande ed immaginabile fabbrica della morte che l'uomo non abbia mai costruito.

Charles Tchameni Tchienga - Presidente de Il Terzo Mondo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
RavennaToday è in caricamento