Ceramiche, sculture e ferro battuto: l'immenso patrimonio artistico del cimitero dell'Osservanza

Quarto appuntamento per le visite guidate d’autunno della Pro Loco Faenza: sabato 7 novembre alle 15 è la volta de “Il Cimitero come bene culturale”. Come noto, infatti, il complesso dell’Osservanza conserva il maggior patrimonio faentino (dopo il Mic) di scultura e arti applicate: ferro battuto, ceramiche, bronzi, vetri, eccetera.

Pur essendo primariamente un luogo di dolore e commemorazioni e richiedendo quindi un comportamento particolarmente rispettoso, il Cimitero è visitabile nei suoi aspetti artistici, architettonici, storici. Quello di Faenza risale al 1816 – ha quindi compiuto da poco i 200 anni – e peraltro si sviluppa sul preesistente convento francescano dell’Osservanza che risaliva al XV secolo e che infatti, nella chiesa, conserva ancora testimonianze manfrediane. E sarà proprio dalla chiesa che partirà la visita: ristrutturata verso il 1830 dall’architetto Pietro Tomba, conserva notevoli opere d’arte (un crocefisso lignee quattrocentesco, un bellissimo dipinto di Benedetto Gennari, di Cento, la lapide sepolcrale della Dulcissima Gens Manfreda…) e alcune tombe di particolare valore storico, o per via della persona sepolta – è il caso del sepolcro di Gianbattista Ballanti Graziani, che mostra tutti i “ferri del mestiere” (scalpelli, sgorbie, stecche, squadre e calibri perché era scultore e plasticatore) – o per via dell’autore, ed è il caso dell’ultima tomba a sinistra, disegnata e progettata dal grande Felice Guani.

Poi si passerà al porticato semicircolare esterno, costruito nel 1860 da Costantino Galli sul modello di Piazza Plebiscito a Napoli e, come quello, concepito per accogliere il visitatore con una sorta di abbraccio. Si visiteranno poi i chiostri, di cui due antichi, gli altri invece costruiti nella seconda metà dell’Ottocento come strutture adatte allo scopo: tombe nel verde al centro oppure sotto il portico perimetrale e possibilità per i parenti del defunto di stare al riparo dalle intemperie. I nomi degli autori delle tombe sono di primissimo livello: Pietro Barilotto è l’unico antico (per il sepolcro cinquecentesco del Vescovo Giacomo Pasi) e per il Novecento abbiamo Domenico Rambelli, Pietro Melandri, Riccardo Gatti, Angelo Biancini, Sante Ghinassi, Domenico Matteucci, Alfonso Leoni e molti altri.

Il messaggio che la Pro Loco vuol trasmettere è comunque che l’arte funeraria, ben lungi dall’essere lugubre o macabra, esprime quasi sempre un ben comprensibile senso di vita, essendo legata al concetto, non strettamente religioso o comunque non solo religioso, di resurrezione.       

E’ richiesto un contributo di 3 euro destinato a fini culturali. Ritrovo alle ore 15 in Piazzale dell’Osservanza,  Viale Marconi. Prenotazione obbligatoria, posti limitati, uso della mascherina, comportamenti adeguati. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0546 25231 - info@prolocofaenza.it  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Il tour dantesco online: un assaggio della Ravenna del Sommo Poeta tra letteratura e leggenda

    • solo domani
    • 11 aprile 2021
    • online

I più visti

  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Tra Dante e le icone della moda nello "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 4 febbraio al 2 maggio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Risplendono le “Gemmae lucis”: le opere in mosaico di Marco De Luca

    • Gratis
    • dal 5 al 25 aprile 2021
    • Galleria Pallavicini 22
  • Si celebra il centenario di Giulio Ruffini con la mostra "L’epica popolare e l’inganno della modernità"

    • Gratis
    • dal 18 febbraio al 2 maggio 2021
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento