La “Rapsodia in Blue” del Duo Petrouchka

  • Dove
    Ridotto del Teatro Masini
    Indirizzo non disponibile
    Faenza
  • Quando
    Dal 15/01/2019 al 15/01/2019
    21.00
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Riparte la stagione invernale di ERF&TeatroMasini Musica martedì 15 gennaio presso la Sala dei Cento Pacifici al Ridotto del Teatro Masini, dove alle ore 21.00 si esibirà il Duo Petrouchka, composto da Massimo Caselli e Alessandro Barneschi, virtuosi del pianoforte a 4 mani, accompagnati dalla danzatrice Valentina Caggio in “Rapsodia in Blue” .

Il Duo Petrouchka, Massimo Caselli e Alessandro Barneschi al pianoforte a quattro mani, torna ospite a Faenza con la danzatrice Valentina Caggio con il concerto “Rapsodia in Blue”, in cui i brani di Debussy e Satie accompagneranno gli spettatori fino a Rapsodia in Blue stessa, il celebre brano di George Gershwin per pianoforte e orchestra qui arrangiato per pianoforte a 4 mani. Brani che evocano l’epoca elettrica di inizio ’900, quando si cominciava a esplorare tutto un nuovo continente musicale. Si parte dai Six Épigraphes Antiques di Debussy, composti proprio per il pianoforte a quattro mani nel 1914, che si rifacevano a quel gusto borghese, molto ottocentesco, di riprodurre opere celebri su una tastiera accarezzata da due paia di mani. Dalle sonorità astratte, con accordi sospesi e atmosfere arcaiche, sono stati scelti dal Duo Petrouchka per via dello stesso gusto intellettualistico con cui Debussy le ha composte. E dall’intellettualismo si passa al gioco, ma al gioco sofistico: quello di Erik Satie e del suo Tre pezzi in forma di pera, “Trois morceaux en forme de poire”. Satie li scrisse infatti per ribattere a una polemica nei confronti dello stesso Debussy, che lo accusava proprio di non porre le dovute attenzioni nelle strutture delle composizioni, di essere insomma un “facilone”, un “pollastro” (poire significa anche ‘pollo’, ‘ingenuo’, ‘allocco’). I Tre pezzi sono invece molto sofisticati, disposti in perfetta simmetria. Al termine di questo excursus, all’interno e attraverso il pianoforte a quattro mani, ecco il brano finale, la celebre Rapsodia in blu di George Gershwin, che chiude tutto come una sintesi e un’apoteosi, segnando l’evoluzione finale di uno strumento – il pianoforte – capace di sostenere le più sperticate invenzioni dell’ingegno umano. 

Ad accompagnare il Duo Petrouchka e a rendere multimediale l’approccio con la musica sarà la danzatrice Valentina Caggio, che già ha accompagnato il Duo in Le Sacre du Printemps proprio a Faenza. Capace di aggiungere, da sola, un’ulteriore dimensione alla musica, facendola diventare corpo e storia, Caggio pratica la danza dal 1984. Tra i suoi maestri più celebri e influenti bisogna ricordare Carolyn Carlson, Michele Abbondanza e Antonella Bertoni. Dedita a frequenti iniziative e impegni anche a livello coreografico, come quello nel 2007 alla biennale di Venezia, il suo percorso artistico è fortemente intrecciato a quello educativo, formativo, terapeutico. Dal 2001 un’attenta riflessione su elementi del lavoro di psicoanalisti quali Jung e Ferenczi e di filosofi come Heidegger, Husserl, Jaspers e Merleau-Ponty ha contribuito alla creazione del suo personale modo di condurre gruppi di salute all’interno di servizi psichiatrici di Milano e Bergamo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Dai Mamiffer ai Deafkids, la musica arriva online con i live di "Transmissions Waves"

    • Gratis
    • dal 12 al 14 marzo 2021
    • online

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento