Mozart e Beethoven a Bagnacavallo con I Tetraone

Sabato 25 marzo, ore 21 al Teatro Goldoni di Bagnacavallo, Mozart e Beethoven saranno protagonisti con i quartetti col fortepiano esegidi dal Il Tetraone

Quarto appuntamento della prima edizione di Bagnacavallo Classica, la stagione musicale del Teatro Goldoni di Bagnacavallo ideata da Accademia Bizantina. Una stagione che vuole dare agli appassionati e agli interessati alla musica l’opportunità di intraprendere un viaggio sorprendente nel mondo della musica eseguita con strumenti originali. E nessuno meglio del quartetto Il Tetraone può condurci in questo viaggio.

Programma:

Ludwig van Beethoven, Quartetto WoO.36 n.3 in do maggiore (1785)
W.A. Mozart, Quartetto Kv 493 in mi bemolle

***
Ludwig van Beethoven, Quartetto per pianoforte, violino, viola e violoncello in mi bem maggiore, op.16

Un programma che se all’apparenza può sembrare per specialisti, per profondi conoscitori della musica classica, in realtà finirà per stupire tutti, appassionati e non. Si tratta infatti di una versione dei quartetti di Mozart e Beethoven a cui raramente si ha la fortuna di assistere, e in cui l’uso del fortepiano, il padre del pianoforte (inventato all’inizio del ‘700 dal fiorentino Bartolomeo Cristofori), accompagnerà l’ascoltatore nell'assaporare il concerto rivelando nuove sonorità, più delicate, emozionanti, incisive.
Sarà il quartetto Tetraone, composto da musicisti che fanno parte dei più importanti ensemble di musica antica al mondo, a guidare il pubblico in questo viaggio a ritroso nel tempo.

Perché “Tetraone”?
!l nome “Tetraone” è stato scelto dai musicisti del quartetto per due motivi: il primo si riferisce alla figura di un uccello descritto in un libro per l’infanzia caro ad alcuni componenti del gruppo e molto ricorrente (un Tetraone appunto). Il secondo motivo è legato alla natura del nome, così scomposto: nella parola “Tetra” c'è il 4 e in “One” l'1: quattro musicisti in un gruppo solo. Il nome Tetraone si rivela efficace anche nel caso in cui la formazione, invece di essere quartetto, fosse di quintetto con l'aggiunta di Giovanni Valgimigli e il suo contrabbasso. In quel caso si avrebbe un Tetraone formato da un 4+1. «È un nome strano che ci è piaciuto – spiegano i componenti del quartetto – e che rivela il nostro spirito goliardico: il Tetraone per spaventare i suoi nemici, balla».

Il Tetraone:
Ana Liz Ojeda – violino
Alice Bisanti – viola
Paolo Ballanti – violoncello
Valeria Montanari – fortepiano
Prevendite online vivaticket.it

Prevendite in teatro
sabato 25 marzo dalle ore 10 alle ore 13 presso la Biglietteria del Teatro Goldoni. Nella sera di spettacolo la Biglietteria aprirà alle ore 20.
Prenotazioni telefoniche (tel. 0545 64330): sabato 25 marzo dalle ore 12 alle ore 13. Non si accettano prenotazioni telefoniche negli orari di apertura serale della Biglietteria.

Prezzi:
Primo settore (Platea, Palchi di I ordine e II - III ordine centrali)
Intero € 21
Adulti over 65 € 18
Giovani 13 - 27 € 15
Bambini 3 - 12 € 13
Secondo settore (Palchi di II e III ordine laterali)
Intero € 19
Adulti over 65 € 16
Giovani 13 - 27 € 13
Bambini 3 - 12 € 12
Loggione Settore unico € 12

Info: info@accademiabizantina.it; tel. 0545 61208

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Rinviato il concerto di Bugo

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • Vinicio Capossela festeggia i suoi 30 anni di musica al Socjale

    • 27 marzo 2020
    • Teatro Socjale di Piangipane
  • Passa da Ravenna il tour di Dente

    • 21 marzo 2020
    • Bronson di Madonna dell'Albero

I più visti

  • Rinviato il concerto di Bugo

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Annullata la Sagra della Seppia

    • dal 17 al 22 marzo 2020
    • centro commerciale di Pinarella
  • Gastronomia, vino, musica e riti antichi con i “Lòm a Merz”

    • 15 marzo 2020
    • Torre di Oriolo dei Fichi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento