I bolognesi Kepler 452 portano al Rasi il loro Cechov reinventato

La stagione dei teatri 2018/19 prosegue con una nuova produzione di Emilia Romagna Teatro Fondazione, un’opera della giovanissima compagnia di ricerca bolognese Kepler - 452. Il gruppo ha condotto, con le pagina di Cechov in pugno, un’indagine sugli sgomberi a Bologna, entrando nelle vite di chi, come la famiglia Bianchi, perde un luogo dell’anima a causa di certe politiche abitative. E poi ha concepito un lavoro teatrale in cui i protagonisti reali della vicenda, Annalisa e Giuliano, sono in scena con gli attori. La prossimità tra gli “sfrattati” di Cechov e quelli del nostro tempo pone tutti quanti, anche gli spettatori, di fronte all’esercizio sordo dell’essere cacciati via dalla propria esistenza. Sipario venerdì 16 novembre, ore 21.00, al Teatro Rasi di Ravenna.

Lo spettacolo nasce dall’incontro tra i componenti di Kepler-452 (Nicola Borghesi, Paola Aiello ed Enrico Baraldi) con due personaggi “immaginari” realmente esistenti, Giuliano e Annalisa Bianchi, ossia Ljuba e Gaev.
Nel dramma Anton Čhecov immagina che in un anno non definito di fine Ottocento il giardino dei ciliegi di Ljuba e Gaev, proprietari terrieri nella Russia prerivoluzionaria, vada all’asta per debiti insieme alla loro casa. Ad acquistarlo è Lopachin, ex-servo della gleba arricchitosi dopo la fine della schiavitù, rampante rappresentante della borghesia in ascesa. Il centro del dramma è la scomparsa di un luogo magico, profondamente impregnato delle vite di chi lo abita, che in questa rilettura dell’opera di Čechov diventa il luogo della coppia.

Biglietti: intero 15 euro, ridotto 12 euro, under30 8 euro, under20 5 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Il grande teatro torna in scena con il festival Polis: da Ascanio Celestini a Elena Bucci

    • dal 11 al 16 maggio 2021
    • Teatro Alighieri
  • Fra tradizione e poesia, Vito porta in scena le "Storie della Bassa"

    • 17 maggio 2021
    • Teatro Walter Chiari
  • Il Goldoni riapre con Gaia de Laurentiis e Ugo Dighero in "Alle cinque da me"

    • dal 19 al 20 maggio 2021
    • Teatro Goldoni

I più visti

  • “Aspettando Bell'Italia”: tornano in piazza le gustose tradizioni regionali

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 7 al 9 maggio 2021
    • Piazza della Libertà
  • L'eterno fascino di piante e fiori si riscopre con le visite ai “Giardini segreti”

    • Gratis
    • dal 8 al 16 maggio 2021
    • sedi varie - vedi programma
  • Un itinerario in pineta sulle tracce del lupo

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Fosso Ghiaia, pressi parco Primo Maggio
  • A 30 anni dal mito: i cimeli che raccontano le imprese del “Moro di Venezia”

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 11 maggio 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento