Le tute blu si mobilitano per il rinnovo: sciopero davanti a Confindustria

I sindacati e i lavoratori dell'industria metalmeccanica si mobilitano per ottenere il rinnovo del contratto visto che la trattativa con Federmeccanica ha subito una secca battuta d'arresto nello scorso marzo

Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil hanno proclamato uno sciopero unitario per mercoledì. I sindacati e i lavoratori dell'industria metalmeccanica si mobilitano per ottenere il rinnovo del contratto visto che la trattativa con Federmeccanica ha subito una secca battuta d'arresto nello scorso marzo. Lo sciopero nazionale sarà di 4 ore e, in alcune aziende del territorio provinciale, le Rsu hanno deciso di estenderlo all'intero turno di lavoro. I sindacati e i lavoratori daranno inoltre vita, sempre mercoledì, dalle 9 alle 11 a un presidio di fronte alla sede della Confindustria di Ravenna.

“Vogliamo un nuovo contratto di lavoro - commentano i tre segretari provinciali di Fim, Fiom e Uil, rispettivamente Davide Tagliaferri, Milco Cassani e Filippo Spada -. Mercoledì ci sarà una giornata di mobilitazione in tutta Italia per fare capire che le proposte, per ora giunte da Federmeccanica, sono irricevibili. E' evidente che Federmeccanica intende rompere il modello contrattuale fino ad ora applicato, mettendo in discussione il doppio livello di contrattazione. Vogliono rendere marginale il contratto nazionale di lavoro. Federmeccanica ha intenzione di mettere le mani in tasca ai lavoratori, li vuole colpire sotto il profilo economico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La proposta di Federmeccanica mira a introdurre un salario di garanzia. “Si tratta di una proposta dirompente, in maniera negativa per i lavoratori, che bloccherebbe qualsiasi aumento contrattuale per i prossimi 10-15 anni - dicono Fim, Fiom e Uilm -. E' un'operazione furbesca che nasconde tante insidie e non riconosce al 95% dei lavoratori alcun aumento, rendendo così inutile e residuale il contratto nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento