menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Stipendi pagati in ritardo": lavoratori del fast food in stato d'agitazione

Il sindacato: "E' ormai da mesi che i dipendenti ricevono in continuo ritardo gli stipendi, compresa la tredicesima mensilità pagata al 20 gennaio"

"Continui ritardi ingiustificati degli stipendi ai dipendenti". E' quanto denuncia il segretario provinciale dell'Ugl teziario Ravenna, Giuseppe Greco, in merito ai dipendenti del Burger King di Ravenna. "E' ormai da mesi che i dipendenti di Sirio ricevono in continuo ritardo gli stipendi, compresa la tredicesima mensilità pagata al 20 gennaio con un avviso ai dipendenti e, da ultimo, con una comunicazione solo ai dipendenti all'interno della quale si dice che lo stipendio di dicembre 2020 sarà pagato entro il 10 febbraio 2021, senza nessun congruo preavviso al fine dare alle famiglie la possibilità di potersi organizzare economicamente. A tal proposito sono attivi per utte le aziende gli ammortizzatori sociali - cassa integrazione - proprio per evitare problemi connessi alla mancanza di liquidità da parte delle aziende a causa della situazione epidemiologica che le aziende stanno vivendo. Ma la direzione Sirio spa di Ravenna non ha provveduto a tempo debito ad attivare la cassa integrazione quando necessitava ai lavoratori già da mesi scorsi. Inoltre, la stessa ha provveduto a ulteriore assunzioni di personale al fine di far fronte al  flusso di clienti, motivo per il quale si giustifica un aumento del lavoro con contestuale incasso di denaro".

Più volta l'organizzazione sindacale ha chiarito durante gli incontri con la direzione che "nel caso ci fossero stati problemi tali da coinvolgere la stabilità lavorativa dei dipendenti, saremmo stati disponibili come lo siamo sempre stati nell'affrontare problematiche e trovare soluzioni. Da oltre tre mesi la direzione invia avvisi ai lavoratori relativi al posticipo largo di stipendi "escludendo" dalla situazione la sigla sindacale Ugl Terziario, che ha all'interno della filiale il 70% degli iscritti e la rappresentanza sindacale. Pertanto - conclude Greco - saranno attivate le azioni e gli strumenti necessari per far fronte a tale disagio che le famiglie stanno vivendo, e a far data dal 20 gennaio 2021 é stato proclamato presso la stessa direzione lo stato di agitazione con relativo blocco del lavoro straordinario ed eventuale azione di sciopero da concordare tra i lavoratori fino al saldo dello stipendio di dicembre per tutti i lavoratori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento