menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una vita tra pagnotte e focacce: premiati i Maestri panificatori artigiani

Nel corso del convegno sono stati forniti alcuni dati sulla vendita del pane e sulle abitudini dei consumatori. Secondo le statistiche sempre meno i consumatori acquistano il pane dal fornaio

31 attestati di benemerenza sono stati consegnati nel corso del Convegno dal titolo ‘Panificazione Artigiana c’è futuro!’ Come riconquistare il cliente. Nuove strategie per la panetteria’, organizzato dal Sindacato Panificatori Artigiani Confcommercio della provincia di Ravenna, che si è svolto nei giorni scorsi presso il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza. L’iniziativa, che rientra nel Progetto ‘Identikit dell’impresa e generazione dio valore 2018’, è stata realizzata grazie al contributo della Camera di Commercio di Ravenna.

Nel corso del convegno sono stati forniti alcuni dati sulla vendita del pane e sulle abitudini dei consumatori. Secondo le statistiche sempre meno i consumatori acquistano il pane dal fornaio. In sintesi: il 51% va di meno, il 6% ci va di più, il 35% dice uguale, il 7% dice non so. Il dato è preoccupante perché quando la gente pensa e ritiene che qualcosa sia ‘in calo’, negativo in tendenza discendente di crea il ‘trend’: se la gente crede che in generale si va meno dai fornai, si genera una ulteriore tendenza all’incremento di tale comportamento. Perché si acquista meno pane? Il 72% dice che la causa sono i prezzi, il 41% per l’impossibilità di fare una spesa unica, il 25% per comodità (orari, parcheggio), il 30% per il ridotto assortimento.

Al termine del convegno sono stati assegnati i premi ‘Maestri Panificatori Artigiani’ a Massimo Alberghi (Faenza), Dante Biancanelli (Ravenna), Giorgio Caranti (Faenza), Giuseppe Concettini (Faenza), Giuseppe Di Domenico (Faenza), Francesco Di Domenico (Faenza), Valmero Fabbri (Alfonsine), Marinella Lippi Bruni (Longastrino), Lorenzo Quadalti (Faenza), Giovanni Sternini (Marina di Ravenna), Claudio Verlicchi (Ravenna), Enzo Vincenzi (Ravenna), Guido Zamagni (Cervia), Giancarlo Ceccolini (Ravenna), Massimiliano Malavolta - Forno Fabbri (Lugo), Stefano Martini (Cervia), Giorgio Marzetti - Forno F.lli  Marzetti (Lugo), Francesco Spada - Forno Pasticceria Paglia (Lugo), Giuseppe Reggi (Lugo), Giuseppe Verlicchi (Ravenna) per aver dedicato una vita alla panificazione ed all’attività del Sindacato. Inoltre, riconoscimento di Maestro Panificatore Artigiano 2018 alla Famiglia Ballanti (Lugo) e alla Famiglia Erbacci (Lugo) per aver tramandato per tre generazioni l’arte della panificazione; a Eugenio Faccani (Lugo) per l’ultra-cinquantennale esperienza nell’arte della panificazione.

Premiati poi i Maestri Panificatori Artigiani Emeriti 2018: Silvano Camprincoli (Ravenna), Giovanni Monti - Panificio Monti (Lugo), Giancarlo Plazzi (Ravenna), Franco Rossi (Ravenna), Alberto Zanzani (Lugo) per aver dedicato una vita alla panificazione ed all’attività del sindacato. Attestato di benemerenza Giovane promessa a Giuditta Corazza (Lugo) come giovane promessa dell’arte della panificazione. Attestato di benemerenza ai dipendenti Monica Caroli per la pluriennale collaborazione in qualità di dipendente del forno Missiroli Gianluca & C. snc di Ravenna e Mauro Poli per la pluriennale collaborazione in qualità di dipendente del forno Sternini Giovanni di Marina di Ravenna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento