Fondazione Flaminia, approvato il bilancio 2018: nuovi interventi per l'Università

Immatricolazioni, sedi, didattica, servizi agli studenti e piani di intervento su questi settori sono stati al centro della relazione del presidente Lanfranco Gualtieri

Si è tenuto nei giorni scorsi il Consiglio di indirizzo di Fondazione Flaminia. La seduta si è conclusa con l’approvazione del bilancio di previsione 2018 da parte dei soci. Il bilancio presenta conti in equilibrio. In questa occasione, immatricolazioni, sedi, didattica, servizi agli studenti e piani di intervento su questi settori sono stati al centro della relazione del presidente Lanfranco Gualtieri. In merito alle immatricolazioni, Gualtieri ha preso atto con soddisfazione del positivo andamento delle iscrizioni per l’anno accademico 2018/2019 che ha coinvolto tutti i corsi di laurea del Campus di Ravenna senza esclusioni e ha permesso di recuperare la flessione dello scorso anno, superando ampiamente le mille matricole.

“Questo risultato – ha spiegato – è il frutto del lavoro fatto in questi anni orientato alla caratterizzazione dell’offerta formativa”. In particolare, si segnala l’aumento considerevole degli iscritti dei corsi del Dipartimento di Beni Culturali, e nell’ambito di questi, un vero e proprio boom per la triennale di Beni culturali. Per quanto riguarda le sedi, Gualtieri ha preso atto con fiducia dell’impegno assunto dal Rettore Ubertini e ribadito dal Cda di Ateneo di portare a compimento la realizzazione del Polo delle Scienze di via dell’Agricoltura con l’avvio nel 2018 del terzo stralcio di lavori relativo ai laboratori didattici, alla biblioteca e ai servizi di accoglienza agli studenti. Questo intervento atteso da tempo è indispensabile per imprimere nuovo impulso al progetto Ambiente-Mare, che rappresenta uno degli elementi caratterizzanti l’insediamento universitario ravennate”. Il presidente Gualtieri ha inoltre ringraziato la Curia per avere reso disponibili gratuitamente i locali dell’ex Seminario (ora in uso a Giurisprudenza): saranno infatti oggetto di un nuovo accordo che permetterà all’Ateneo di liberare risorse e l’auspicio è che possano almeno in parte destinate per il potenziamento dei servizi agli studenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La seduta si è quindi concentrata sulle prospettive per il futuro: “Il percorso di razionalizzazione della spesa e il contenimento dei costi per la didattica – ha spiegato Gualtieri – ha permesso di far fronte alla riduzione delle contribuzioni dei soci, senza penalizzare gli interventi di sostegno ai servizi. Oggi, grazie all’equilibrio finanziario raggiunto, è possibile progettare nuovi interventi. In primo luogo verrà promosso un intervento mirato a supporto delle aree di Beni culturali, Archeologia e Scienze, che presentano progetti di sviluppo interessanti per Ravenna e di interazione col territorio e che Fondazione Flaminia prenderà in esame nei prossimi mesi per poi presentare ai soci entro primavera un piano complessivo di intervento. L’altra occasione di sviluppo che verrà colta riguarda Giurisprudenza. Riguardo ai corsi giuridici di Ravenna condividiamo lo sforzo assunto in prima persona dal sindaco De Pascale per caratterizzare la laurea in Giurista d’impresa su alcuni temi di interesse del territorio e in particolare sul tema del mare, del porto e dei trasporti. È necessario che questa caratterizzazione dell’offerta formativa promossa dal sindaco e da noi pienamente condivisa, riceva un adeguato supporto in termini di collaborazione e risorse da parte delle istituzioni e delle aziende del settore portuale”. Per quanto riguarda i servizi agli studenti, è stata condivisa dai soci la volontà del Comune di Ravenna di lavorare con un nuovo slancio su questo fronte. L’assessora all’Università Ouidad Bakkali nel confermare il supporto a Fondazione Flaminia, si è detta favorevole a un potenziamento dei servizi in un ottica di ‘Ravenna città accogliente’, e ha inoltre espresso la volontà di rinnovare la convenzione tra Fondazione Flaminia e Comune di Ravenna per la gestione di Palazzo dei Congressi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, Bassa Romagna ancora martoriata dalla grandine: chicchi grandi come noci

  • Fatale incidente nella notte: muore in bici investito da un'auto

  • Dalle parole si passa velocemente ai fatti: nel caos spunta una lama, accoltellato un ragazzo a Marina di Ravenna

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Si schianta contro il guard rail in autostrada: automobilista in gravi condizioni

  • Vacanze per le famiglie, due hotel nel ravennate tra i migliori in Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento