menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nei campi torna lo spettro della cimice asiatica: "Agricoltura a rischio"

La cimice, insetto killer della frutta, è infatti ricomparsa tra i filari, soprattutto nella zona della Bassa Romagna, già colpita duro dal patogeno nella precedente estate e falcidiata dalle gelate tardive

Mentre è finalmente giunto il via libera definitivo al lancio della vespa samurai, antagonista naturale della cimice asiatica la cui immissione in campo dovrebbe avvenire sul territorio regionale entro i prossimi giorni, arrivano le prime preoccupanti segnalazioni dai coltivatori della provincia di Ravenna. La cimice, insetto killer della frutta, è infatti ricomparsa tra i filari, soprattutto nella zona della Bassa Romagna, già colpita duro dal patogeno nella precedente estate e falcidiata dalle gelate tardive.

"Per proteggere i raccolti e salvare quel poco che è stato risparmiato dal gelo occorre accelerare al massimo con la diffusione della vespa samurai ora che è in vigore il Decreto del Ministero dell’Ambiente che autorizza la sperimentazione della “lotta biologica” anche in Emilia-Romagna. Sappiamo che ci vorrà comunque tempo per vedere i primi risultati concreti e frenare questa nuova potenziale invasione – spiega Nicola Dalmonte, presidente di Coldiretti Ravenna – per questo, alla lotta biologica con la vespa samurai, si deve affiancare il sostegno delle Istituzioni alle imprese, velocizzando gli indennizzi per i danni da cimice che ha già iniziato ad attaccare i frutteti in un anno particolarmente difficile con l'addio ad un frutto su tre per il moltiplicarsi nel 2020 di eventi estremi, dal gelo alla siccità fino alla grandine”.

A livello nazionale si stima infatti una produzione di pesche e nettarine ridotta del 28%, mentre è più che dimezzata la produzione di albicocche. La “cimice marmorata asiatica” arriva dalla Cina ed è particolarmente pericolosa per l’agricoltura perché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte l’anno con 300-400 esemplari alla volta che con le punture rovinano i frutti rendendoli inutilizzabili e compromettendo seriamente parte del raccolto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento