rotate-mobile
Economia

Il porto aumenta la sua dotazione tecnologica: una nuova gru capace di sollevare fino a 70 tonnellate

Il Terminal Container Ravenna ha inaugurato venerdì la nuova gru e festeggiato vent’anni di attività con una cerimonia che si è tenuta al porto di Ravenna nel piazzale del terminal alla presenza delle autorità e delle alte cariche aziendali.

Il Terminal Container Ravenna ha inaugurato venerdì la nuova gru e festeggiato vent’anni di attività con una cerimonia che si è tenuta al porto di Ravenna nel piazzale del terminal alla presenza delle autorità e delle alte cariche aziendali. “La nuova gru di T.C.R. è un ulteriore investimento dell’azienda che si rivelerà strategico per tutte le attività che operano nel porto e per l’economia ravennate nel suo complesso”, ha detto il sindaco Michele de Pascale. Che continua: “Un bel modo per festeggiare i vent’anni dell’azienda divenuta punto di riferimento per la portualità e destinata a crescere ancora. Il suo costante sviluppo e l’apertura a nuovi mercati e collegamenti, come testimoniato dal recente potenziamento della linea con il Bangladesh, avranno una ricaduta positiva sull’intero hub portuale, che potrà svilupparsi nel suo insieme, migliorando ulteriormente l’attrattività del nostro porto”.

Hanno preso parte all’evento il sindaco e Presidente della Provincia di Ravenna Michele de Pascale; Andrea Corsini, assessore a turismo, commercio, infrastrutture e trasporti della Regione Emilia-Romagna; Daniele Rossi Presidente AdSP mare Adriatico centro settentrionale e i vertici delle aziende azioniste di T.C.R.: Riccardo Sabadini Presidente Sapir e Alfredo Scalisi AD Contship Italia Group e infine per l’azienda Liebherr, costruttrice della gru, l’AD Gerry Bunyan.  La nuova gru "Ship to Shore" potrà movimentare merce heavy-lift e lavorare navi con 18 file di container, grazie ad uno sbraccio di 50 metri e una capacità di sollevamento considerevole (sotto spreader 60 tonnellate, a gancio 70). Si tratta di un importante macchinario di ultima generazione che si aggiunge alle altre tre gru di banchina che servirà a potenziare il livello di produttività e la qualità del servizio. 

Sottolinea l’Assessore Regionale Andrea Corsini: “Iniziative come questa dimostrano quanto sia importante fare squadra seguendo una strategia condivisa attraverso sinergie virtuose tra pubblico e privato. Con le nuove infrastrutture, anche con il concorso dei privati, l’hub portuale di Ravenna, che abbiamo sostenuto in questi ultimi anni con investimenti pari a circa 600-700 milioni di euro - tra risorse europee, statali e regionali - potrà diventare sempre più il porto dell’Emilia-Romagna e proiettare la nostra regione verso una concezione di trasporto e movimentazione merci moderna, efficiente e sostenibile”.  Il Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale di Ravenna, Daniele Rossi, ha sottolineato che T.C.R. occupa un ruolo chiave nello sviluppo del Porto di Ravenna e che gli investimenti importanti che l’azienda sta facendo sono ancora più apprezzati considerando che sono destinati a consolidarsi in prospettiva degli investimenti pubblici in corso per il potenziamento infrastrutturale dello scalo e che si collocano all'interno del grande sforzo che si sta facendo per rendere il porto di Ravenna  ancora più competitivo, sicuro e sostenibile.

nuova gru inaugurazione-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il porto aumenta la sua dotazione tecnologica: una nuova gru capace di sollevare fino a 70 tonnellate

RavennaToday è in caricamento