menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Patto per il lavoro', con la crisi il 65% dei lavoratori ha mantenuto il posto

Nel faentino la Regione ha seguito da vicino il caso della Cisa-Allegion di Faenza, con una vertenza che ha avuto come esito un vero e proprio rilancio

"Le crisi aziendali in Emilia-Romagna sono affrontate con un grande sforzo collettivo, rispecchiando le modalità di intervento disegnate con il ‘Patto per il lavoro’. Un impegno realizzato con il fondamentale ruolo dei sindacati e dei sindaci". Così l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, facendo un punto della situazione sulle crisi aziendali al centro di tavoli istituzionali di salvaguardia occupazionale in cui è impegnata la Regione.

Dal 2016 ad oggi, sono una sessantina le vertenze seguite da viale Aldo Moro, di cui una decina congiuntamente col Ministero dello Sviluppo economico. Nel faentino la Regione ha seguito da vicino il caso della Cisa-Allegion di Faenza, con una vertenza che ha avuto come esito un vero e proprio rilancio. Le vertenze affrontate dalla Regione Emilia-Romagna si sono concluse con il 65% dei posti salvati grazie alla concertazione tra proprietà aziendali, parti sociali e rappresentanze istituzionali, oltre quella regionale, Enti locali e Ministeri. Su circa 12.500 dipendenti delle varie aziende o gruppi per i quali si è costituito un ‘tavolo di crisi’, più di ottomila hanno conservato il lavoro, di cui 5.505 nel settore meccanico dove la percentuale di salvaguardia dei posti arriva all’87%.

A soffrire maggiormente, sono state le imprese del settore delle costruzioni, in forte sofferenza, che ha avuto anche la percentuale di perdita di posti di lavoro più marcata, a cui si sono aggiunte grandi realtà come Mercatone Uno (commercio), Gruppo Artoni (trasporto) e Gruppo Ferrarini (alimentari). Sono in due casi è stato dichiarato il fallimento e la chiusura del sito. Numeri, quindi, che evidenziano un ruolo proattivo dei tavoli di crisi nel cercare di tutelare i posti di lavoro pur nella differenza delle modalità che portano aziende e gruppi a dichiararla (chiusure, ristrutturazioni, cessione ramo d’azienda, procedure concorsuali, eccetera).

"La salvaguardia occupazionale per funzionare deve essere necessariamente legata a politiche industriali, di sviluppo e di sostegno alle aziende in crisi - afferma l’assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi -, poiché se non c’è lavoro è difficile anche gestire le situazioni di esubero. Con il Patto per il lavoro firmato da tutte le parti sociali economiche e istituzionali dell’Emilia-Romagna, abbiamo fatto una forte azione di rilancio del manifatturiero e provveduto a istituire strumenti idonei ad affrontare sia il rilancio delle imprese, per aumentare competitività e occupazione, sia per salvaguardare i lavoratori delle aziende in crisi durante il processo di riorganizzazione e di rilancio. Questo con un indispensabile coinvolgimento dei Ministeri dello Sviluppo economico e del Lavoro, per ciò che ha riguardato le crisi di aziende o gruppi di rilevanza nazionale. Abbiamo constatato come l’efficacia dei tavoli sia fortemente legata allo spirito concertativo, quando le parti si riuniscono per trovare un accordo congiunto, una soluzione si trova con un forte apporto della Regione e delle istituzioni locali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento