Il piedibus in Bassa Romagna per sostenere "Siamo nati per camminare"

Le attività di Piedibus concorrono alla campagna regionale “Liberiamo l’aria” per la riduzione degli inquinanti atmosferici dovuti a emissioni

Anche per il 2017 l'Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha aderito alla campagna di sensibilizzazione regionale “Siamo nati per camminare”, per promuovere la mobilità pedonale e sostenibile, in particolare sui percorsi casa-scuola. Il primo giorno di primavera diventa così un’occasione per mettere a valore e fare conoscere le esperienze locali di piedibus già realizzate e in programma in Bassa Romagna, che permettono ai bambini di raggiungere la scuola a piedi in sicurezza. Ad oggi le attività di piedibus sono organizzate nei comuni di Alfonsine, Fusignano, Lugo e Massa Lombarda, a cui si aggiungono le attività di educazione stradale a cura della Polizia municipale della Bassa Romagna, in tutte le scuole del territorio.

Un connubio di attività che sposa perfettamente il tema della campagna, che è "Camminare bene comune", per valorizzare la dimensione sociale della sostenibilità e il coinvolgimento attivo dei cittadini, con una attenzione particolare al rispetto delle regole, intese come norme ma anche come ambito culturale basato su fiducia, solidarietà e senso di responsabilità verso la comunità cui apparteniamo. Le attività di Piedibus concorrono alla campagna regionale “Liberiamo l’aria” per la riduzione degli inquinanti atmosferici dovuti a emissioni.

“Abitudine, comodità o paura sono le ragioni che ci portano a utilizzare quotidianamente l'automobile anche se i luoghi che dobbiamo raggiungere sono poco distanti da casa - ha ricordato Paola Pula, sindaco referente per l’Ambiente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna -. Eppure, accompagnando i nostri figli a piedi, non facciamo qualcosa di buono solo per la nostra salute, ma anche per l'ambiente. Si riduce l’inquinamento dell’aria e quello acustico, consumiamo meno risorse naturali, meno denaro e riduciamo il nostro impatto sull’ambiente. Camminando un po’ ogni mattina si impara a conoscere più da vicino il territorio, si attiva la mente, c’è tempo per chiacchierare e osservare, ci si riappropria della città e la si anima riducendo il senso di insicurezza delle strade”.

“Il merito più importante è sicuramente da attribuire a tutte le associazioni, i volontari, i genitori, i nonni che rendono possibile la realizzazione dei piedibus - ha sottolineato Enea Emiliani, sindaco referente per le Politiche educative dell’Ucbr -. È grazie a loro che i ragazzi e le famiglie dei Comuni di Alfonsine, Fusignano, Lugo e Massa Lombarda possono vivere l’esperienza dei percorsi casa-scuola in modo sostenibile. I bambini e le scuole sono importanti attori di un cambiamento verso cui tendere per incentivare stili di vita più sani e responsabili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

continua nella pagina successiva ====> LE ATTIVITA' DEI COMUNI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Imbocca la Classicana contromano: schianto tra due auto e un camion

  • Si tuffa dagli scogli e batte la testa sul fondo: giovane grave in ospedale

  • Si tuffa nella piscina dell'hotel, poco dopo lo ritrovano morto in acqua

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Raffiche di vento fortissime in spiaggia: si rovesciano alcune barche in mare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento