menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla Conad non riesce l'impresa contro Vallefoglia. La corsa alla Pool Promozione si complica

Le ravennati restano quarte, ma con le vittorie di Martignacco e Macerata si complica la lotta per l’accesso alla Pool Promozione (si qualificano le prime 5)

Non riesce a sovvertire il pronostico la Conad Olimpia Teodora Ravenna, che cade sul campo della Megabox Vallefoglia per 3-1, sprecando nel quarto set una grossa occasione per forzare il tie break e portare a casa almeno un punto. Le ospiti partono contratte nei primi due parziali, poi cambiano ritmo riaprendo la partita nel terzo, prima di subire nel quarto un’amara rimonta nel finale. Le ravennati restano quarte, ma con le vittorie di Martignacco e Macerata si complica la lotta per l’accesso alla Pool Promozione (si qualificano le prime 5).

"Purtroppo siamo entrati in campo con il freno a mano tirato e non mentalmente liberi - commenta coach Simone Bendandi -. Le ragazze volevano dare tutto e probabilmente si sono messe più pressioni del dovuto. Certamente è stato un peccato non riuscire a chiudere il quarto set e riaprire la partita, ma la cosa di cui sono più dispiaciuto è, in un match del genere, metterci due set per cominciare a giocare davvero".

"Nei primi due parziali non abbiamo espresso il nostro potenziale, come abbiamo fatto poi nel terzo dove siamo state molto più incisive in battuta costringendo loro a sbagliare un po’ di più - prosegue il coach Siamo cresciute anche in situazione di muro-difesa e siamo riuscite ad aver maggior ossigeno ed essere più efficace nei contrattacchi, dove invece nei primi due parziali eravamo stati troppo leggeri".

"Nel quarto set loro erano molto in difficoltà e purtroppo ci è mancata la lucidità giusta per sfruttare la grossa occasione di portarle al tie break - conclude -. Loro naturalmente essendo prime hanno delle qualità e in questo momento un potenziale migliore del nostro, e purtroppo in queste partite per fare risultato bisogna riuscire a essere maggiormente liberi mentalmente".

La partita

Al fischio d’inizio Coach Bendandi sceglie il sestetto con Morello, Piva, Guidi, Torcolacci, Guasti, Kavalenka e Rocchi libero.

L’avvio di primo set è favorevole per le padrone di casa, che provano l’allungo sull’8-5. La Conad resta agganciata, ma non riesce a trovare la zampata per sorpassare e Vallefoglia mantiene le tre lunghezze di vantaggio per tutto il parziale, conquistandolo alla fine per 25-22.

Maggior equilibrio nel secondo set, con le squadre che si scambiano la leadership diverse volte nella prima parte. La Megabox riesce ad allungare, prima sul 16-14, poi sul 21-18, ed è cinica nel finale a chiudere subito i conti per 25-21.

Nel terzo parziale arriva la reazione ospite. Vallefoglia ricuce il primo allungo e sorpassa sull’8-7, ma Ravenna riesce ad alzare la pressione al servizio e in contrattacco, scappando ancora sull’11-16. Le Leonesse non lasciano spazio a rimonte e riaprono la partita portandosi a casa il set per 21-25.

L’inerzia del match continua ad essere in favore delle ospiti in avvio di quarto parziale, con la Conad che si porta avanti sul 5-8 prima e sul 9-16 poi. Le padrone di casa lanciano la rimonta, che si concretizza con un super parziale di 6-0, dal 15-20 al sorpasso sul 21-20. In finale è tutto della Megabox che chiude set e partita per 25-22.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il mito del Passatore: eroe cortese o spietato assassino?

social

Blue Monday: esiste davvero il giorno più triste dell'anno?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento