rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Altro Massa Lombarda

Tennis, il Massa Lombarda perde a Forte dei Marmi e retrocede in A2

Dopo sei intensi anni consecutivi il Circolo Tennis Massa Lombarda saluta la serie A1 maschile

Dopo sei intensi anni consecutivi il Circolo Tennis Massa Lombarda saluta la serie A1 maschile. A sancire il verdetto è stato l’incontro di ritorno dei play-out sui campi di Forte dei Marmi, dove il Tc Italia, dopo l’affermazione per 4-2 domenica scorsa nella gara d’andata disputata all’Oremplast Tennis Arena, ha chiuso il discorso nei singolari ottenendo i punti per la permanenza nel massimo campionato (16 le squadre che lo disputano) per il 2022 e al contempo condannando la giovanissima formazione romagnola, capace comunque per un lungo periodo di ritagliarsi uno spazio nell’elite del tennis italiano, al cospetto di autentiche corazzate e di club di grandi città.

Di fronte al team capitanato da Michele Montalbini ancora una volta penalizzato dalle assenze la formazione toscana, finalista nell’edizione 2020, terza classificata nel girone 4 con 9 punti all’attivo al termine della prima fase della competizione, tornata al format tradizionale dopo la versione ridotta e anticipata all’estate 2020 a causa dell’emergenza coronavirus, ha messo in cassaforte l’esito dello spareggio con i successi di Stefano Travaglia su Francesco Forti, Walter Trusendi su Alessio De Bernardis e Marco Furlanetto sull’under 18 Marco Cinotti, rendendo del tutto inutili ai fini del risultato gli altri match.

“Sapevamo bene sin dall’inizio e lo abbiamo sempre ribadito che sarebbe stata un’impresa conservare un posto nel massimo campionato, tenendo conto del valore delle altre formazioni e del budget di cui possono disporre - commenta Fulvio Campomori, presidente del Circolo Tennis Massa Lombarda –. A maggior ragione perché abbiamo dovuto fare i conti con una serie di infortuni, in particolare quelli di lunga durata a Giulio Zeppieri e Blaz Kavcic, le new entry su cui avevamo puntato per colmare le partenze di Julian Ocleppo e Luciano Darderi che avevano preferito accasarsi altrove. Questa situazione di emergenza ci ha impedito di schierare la formazione al completo e quindi di raddrizzare la stagione dopo aver chiuso all’ultimo posto il girone di prima fase. Però è giusto accettare il risultato del campo, anche se resta un po’ di rammarico nel gruppo per l’assenza di Lorenzo Rottoli, che ha scelto di disputare le qualificazioni del challenger ATP al Villa Carpena con una wild card della Federazione, spiazzando un po’ tutti, a cominciare dai compagni di squadra. Fosse stato presente anche lui, il ritorno a Forte dei Marmi non era così chiuso come potrebbe sembrare, ce la giocavamo considerando che i nostri avversari non potevano disporre per motivi di salute né di Hanffman né di Taberner… Questa retrocessione chiude un ciclo di sei anni in A1, ricchi di emozioni e anche soddisfazioni per una piccola realtà di provincia come la nostra, ma il progetto va avanti, ovviamente insieme ad Oremplast, perché con la famiglia Pagani da tempo stiamo portando avanti una sinergia legata al territorio che ha pochi eguali nel panorama nazionale. Ripartiremo dalla serie A2, che è comunque un campionato di vertice e di notevole spessore tecnico,e la mia priorità come dirigente sarà quella di mantenere il gruppo, compatto, a cominciare da Francesco Forti, davvero encomiabile come disponibilità e attaccamento ai colori sociali. Inoltre abbiamo un organico giovanissimo, direi il più giovane dell’intero lotto, e quindi possiamo contare anche sul fatto che questi ragazzi possono ancora crescere in prospettiva e magari aprire un nuovo ciclo per il Circolo Tennis Massa Lombarda”.

TC ITALIA FORTE DEI MARMI - CTD MASSA LOMBARDA 4-0 (andata 4-2)

Stefano Travaglia (I) b. Francesco Forti (M) 62 63

Walter Trusendi (I) b. Alessio De Bernardis (M) 61 62

Marco Furlanetto (I) b. Marco Cinotti (M) 61 60

Manfredi Graziani (I) b. Jacopo Bilardo (M) 1-0 rit.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tennis, il Massa Lombarda perde a Forte dei Marmi e retrocede in A2

RavennaToday è in caricamento